LIRICHE ED IMMAGINI (Claudio Cisco)

ALTRE OPERE LETTERARIE DI CLAUDIO CISCO: CLICCARE SUL LINK QUI SOTTO PER APRIRE LA CORRISPONDENTE PAGINA WEB:

https://claudiociscoopere.myblog.it/2012/12/24/enigmi-interiori-di-claudio-cisco/

—————————————————————————————————————————————————————————————————————————————-

 

jjjjuid_11bc27e721d.580.0uid_11d5eefb801.580.0uid_11d5ef1aaf8.580.0uid_11d8a5f651f.580.0uid_11d8a5f651f.580.0uid_11d8c8e34c9.580.0uid_11d8efe5ea1.580.0uid_11d9fd7acdb.580.0uid_11d87e540ed.580.0uid_11d89b4b68d.580.0uid_11d89b587fa.580.0uid_11d89b661d5.580.0uid_11d91ae4069.580.0uid_11d717613dc.580.0uid_11dadc03e96.580.0 uid_11db0c2ccc3.580.0 uid_11db0c3ee69.580.0uid_11db0c764ab.580.0uid_11db0c5167e.580.0uid_11db5f9525f.580.0uid_11db5fa8d63.580.0uid_11db83b508f.580.0uid_11e00f2af58.580.0uid_11e14cbcef1.580.0uid_11e370a9466.580.0uid_11f3366affb.580.0uid_11fa40b427b.580.0uid_119f0acb945.580.0uid_119f0acb945.580.0uid_119f0adc298.580.0uid_119f0af1e7d.580.0uid_119f0afb56d.580.0uid_119f0b1c51e.580.0uid_119f0b28a49.580.0uid_119f0b34d47.580.0uid_119f0b40c1a.580.0uid_119f0b075dc.580.0uid_119f0b11705.580.0uid_119f0ca66d6.580.0uid_119f08a4976.580.0uid_119f08ada7a.580.0uid_119f08ada7a.580.0 uid_119f08b69e7.580.0uid_119f08c0305.580.0uid_119f08d1a2e.580.0uid_119f08d1a2e.580.0 uid_119f08db0b6.580.0uid_119f08e4f44.580.0uid_119f08faaa3.580.0uid_119f09e220e.580.0uid_119f088c91e.580.0uid_119f090bafe.580.0uid_12302952223.580.0uid_12302937fd4.580.0uid_1238350b8fd.580.0uid_124615d58d1.580.0uid_12316d841f8.580.0uid_1242d6a6ded.580.0uid_1220d26e040.580.0 (1)uid_122b0c173d2.580.0uid_119f0970008.580.0uid_119f0944302.580.0uid_119f0883591.580.0uid_119f0879453.580.0uid_119f0926e8c.580.0uid_119f099a3dd.580.0uid_119f0918c7c.580.0uid_11db0c2ccc3.580.0

poesie con immagini

60fa6440224f3b50f93eba7282a1ada0download (1)download (6)download (7)download (8)c4fc0278f6bba7f7d361c83fd70c9388 download (2)download (3)download (4) download (5)6b224094dc505a627729d8a0aa1564d831784a639705dd7324b897f15fc3c070

images (2)download

VERRÀ POI LA MORTE

La mia vita passerà molto presto

drammatica e patetica

e con essa anche la sua ricchezza

fatta umana dalla fatica.

Il tempo,

un male che impoverisce la vita,

mi toglie ogni energia vitale,

il mio corpo senza speranza e senza salvezza

si rivolta, si risparmia, geme

s’illude ancora di strappare giorni, ore, minuti alla fine.

Ma vi è un altro male

subdolo e ancor più disperato:

quello di essere completamente solo

nell’umana comprensione di sé

costretto a tacere e fingere,

a rivedere il passato riflesso

nelle lacrime degli occhi che piangono

in un profondo bisogno di confidenze.

Triste appare allora il volto della memoria

come immobile silenzio che tende all’astrazione.

Verrà poi la morte del corpo

il distacco amaro.

 

 

 

foto per la poesia VERRA' POI LA MORTE.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MIA STREGA

 

 

Balla mia strega

 

balla per me muovendo più forte i fianchi

 

balla con il corpo e con l’anima.

 

Balla sotto questa luna piena

 

colora d’argento i miei sogni

 

nei tuoi occhi vedo riflessi cosmici diamanti.

 

Non ho bisogno di bere il tuo filtro

 

mi hai stregato solo con lo sguardo

 

mi hai in tuo potere ormai.

 

 

 

foto per la poesia MIA STREGA.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La ragazzina che guarda il mare-Testimonianza di fede-La poesia del gabbiano

 

uid_1238350b8fd_580_0.jpg

 

 

 

 

 

 


 

LE ALI DELL’ANIMA

C’è un momento nell’universo
in cui il cielo
incontra il mare.
Ed è proprio in quell’istante
che le ali dell’anima
iniziano a volare…

-Claudio Cisco-

10407478_1016139378403504_6349865415860302348_n

——————————————————————————————————————

copertina libro testimonianza di fede

IL MIO CAMMINO SPIRITUALE

L’INCONTRO CON LA MADONNA:

TESTIMONIANZA DI FEDE

 

 

E’ bellissimo per me poter parlare della Madre celeste, scrivere con sincerità di pensiero quello che  Lei rappresenta per me, il modo attraverso il quale trasmette gioia, dona pace, regala serenità; è sicuramente una testimonianza importante che può servire agli altri, anche a chi, per sola curiosità, si sta soffermando in questo momento nella lettura. Il mio cammino spirituale è stato molto tormentato e assai complesso, quasi impossibile da raccontare in poche righe perchè frutto di emozioni intime, uniche ed indimenticabili, invase dal male prima e consolate dal bene dopo, ma, nonostante tutto, vorrei provare ugualmente ad essere il più possibile coinciso e sintetico, concentrando in poco spazio ciò che meriterebbe un libro intero per la grandezza dei sentimenti da narrare. Premetto che mi trovavo distante mille anni luce da Dio e dalla sua volontà, sconoscevo l’importanza della  sua parola con i suoi insegnamenti; praticamente lontano dai sacramenti, non seguivo affatto una vita cristiana, collocandomi in una posizione di disinteresse verso la chiesa che per me era come se non esistesse. Ma il Signore è grande e misericordioso, sempre pronto a porgere una mano, a elargire aiuto a chi, disperato cade, specialmente quando l’infinita bontà di Dio percepisce nel cuore triste e malato, una fiammella di speranza alimentata da un sincero proposito di cambiamento. E così la provvidenza mi ha messo sulla strada un’amica quasi coetanea, Giovanna, una donna evangelista che, dopo parecchio tempo a causa della mia esitazione, è riuscita a trascinarmi con lei, per la prima volta, in una chiesa protestante pentecostale, di quelle caratterizzate da preghiere forti, carismatiche, di intensa spiritualità. Lì dentro, i miei occhi hanno osservato  cose mai viste: gente parlare in lingue sconosciute che alcuni interpretavano, preghiere di lode e di adorazione recitate con pianti di gioia ed invocazioni urlate, imposizioni di mani sul corpo specie sulla fronte, persone cadere per terra svenute e rimanere a  lungo in quello stato di riposo spirituale ed ancora preghiere di liberazione, a volte veri e propri esorcismi che avvenivano durante i culti stessi anche in presenza di bambini che sembravano abituati a quell’ambiente. Era insomma una chiesa molto diversa da quelle cattoliche tradizionali, eppure io ricordo di non aver mai  pensato, neanche per un solo istante, di essere finito in un manicomio pieno di pazzi, ma anzi,  al contrario, cominciavo a percepire dentro e fuori di noi esseri umani, sia pure in forma latente, l’esistenza di un mondo parallelo che mi si apriva davanti alla mia conoscenza, una realtà spirituale importantissima e vitale che mi portava a comprendere che dietro la sofferenza oscura e il male più cattivo, si nascondono demoni di grande intelligenza e diabolica astuzia che difficilmente possiamo vincere senza l’aiuto del Padre: sono loro infatti la causa principale delle rovine dell’animo umano, e sono sempre essi capaci di operare indisturbati nel quotidiano, perché sottovalutati o peggio ancora non creduti dalla maggioranza degli uomini. Lo capivo chiaramente vedendo i tormenti spirituale e fisici di chi combatteva col maligno, spesso il vomito era sintomo di liberazione. Per me erano tutte situazioni sconosciute e mai prese in considerazione prima di allora  ma dentro il mio spirito sentivo di non trovarmi in quel posto, così apparentemente strano, per caso e che proprio da lì sarebbe potuta iniziare la mia rinascita spirituale dopo secoli di buio fitto e di solitudine totale. Pian piano e secondo i tempi di Dio, continuando a frequentare quella chiesa e iniziando a pregare anch’io timidamente come potevo e come vedevo fare, ho avuto la grande gioia  di sentire e  di capire che Gesù mi amava davvero e di un amore grande e sincero, così com’ero, con i miei evidenti limiti umani e le mie debolezze e che potevo fidarmi ciecamente di Lui. Fu per questo che ho accettato il Signore nella mia vita come personale Salvatore. Ma la gioia di sentirmi finalmente amato non mi ha risparmiato il dispiacere di comprendere che, radicato nella mia mente, vi era un demone d’impurità, forte, del quale io, fino a quel  momento sconoscevo completamente l’esistenza anche perché non si era mai manifestato prima, secondo la furbizia di questi esseri che fanno dell’anonimato la loro forza, e che era riuscito a fare nella mia vita, quello che voleva, facilitato da me che, sia pure inconsapevolmente, lo avevo sempre assecondato. Oggi posso dirvi con assoluta certezza e con molta esperienza sperimentata sulla mia pelle, che i demoni sono i principali artefici dei nostri errori e dei nostri peccati e che senza un vita di preghiera e di relazione costante con Dio, non c’è possibilità di salvezza per noi piccoli esseri mortali e che ogni forma di perversione sessuale e di vizio impuro, hanno come radice, la presenza di questi esseri diabolici che operano secondo le proprie caratteriste svolgendo il loro compito specifico, osservando rigide e determinate gerarchie; i diavoli legati alla sfera sessuale, che io ho conosciuto e a lungo combattuto, non spingono ad essere cattivi e non portano avversione al sacro, per questo motivo risultano difficili da identificare e togliere, ma non per questo possono essere considerati meno gravi, in virtù del fatto che con i peccati della carne sporcano il corpo prima e lo spirito dopo, creando inimicizia con Dio e aprendo un varco ampio verso l’inferno. E’ cominciata così, con l’aiuto del pastore e di fratelli e sorelle con doni carismatici di liberazione, la mia lotta contro il maligno che era uscito ormai allo scoperto, suo malgrado, perché Gesù l’aveva ormai smascherato rendendolo assolutamente incompatibile con la presenza stessa di Cristo, il quale stava ormai facendosi strada dentro il mio spirito. Non è stato per niente facile scontrarmi col nemico delle nostre anime e quello che ho passato non lo auguro a nessuno: altro che problemi psicologici o psicanalitici! Altro che camomille o farmaci ansiolitici! Io ho dovuto estirpare con preghiere forti e con la mia volontà di uscirne a tutti i costi, quello che di negativo vi era in me, quel tempio di Satana fatto di lussuria e concupiscenza carnale che il demone stesso con la mia inconsapevole volontà, aveva eretto nei miei pensieri e desideri e perfino nella mia casa: ricordo perfettamente gli attacchi che subivo la notte, specie verso le tre, questo poiché, durante il sonno, avviene che si assottiglia di  molto il confine tra il mondo fisico e quello dello spirito e i due mondi paralleli, quello degli spiriti incarnati che siamo noi e quello degli spiriti disincarnati che vivono in dimensioni superiori, a volte e in situazioni particolari, si sfiorano fin quasi a incrociarsi. La mia condizione, sia pure lentamente, migliorava progressivamente ma quando ero sul punto di convincermi di aver intrapreso la strada giusta, quella che mi avrebbe portato successivamente alla vittoria e mi stavo conseguentemente illudendo di  assaporare un po’di pace interiore, ecco, improvvisamente e del tutto inaspettata, spuntare all’orizzonte una nuova nube minacciosa e per la prima volta in vita mia, si spalancarono per me le porte del carcere, per reati di natura sessuale ovviamente compatibili col demone che combattevo. In tutta onestà devo dirvi che non ho mai scaricato tutta la responsabilità dei miei errori sull’entità malvagia perché sono stato esclusivamente io a consentirgli di fare tutto ciò cha voluto rendendolo forte e padrone della mia vita, e per questo ho invocato pentito il perdono di Dio, il mio più grave sbaglio è stato quello di non aver mai cercato una relazione col Creatore e di non aver mai permesso allo Spirito Santo di agire in me e nella mia vita. Ma ormai il Signore aveva piantato il suo seme in me che cominciava a crescere ogni giorno di più e non mi avrebbe mai più lasciato. Oggi mi rendo conto che il carcere è stato una specie di purgatorio terreno, necessario a farmi crescere scontando i miei peccati perchè le croci, le sofferenze, servono a farci maturare spiritualmente e possono trasformarsi, con la fede e la preghiera, in meravigliose opportunità di rinascita. Ed è stato proprio dentro il carcere che si è realizzato un altro miracolo nella mia tormentata vita terrena; l’incontro con la Madonna, un dono straordinario che mi ha fatto Dio, del quale forse non ne sono degno, ma che ha rappresentato una svolta nel mio cammino spirituale: io che ero chiuso in una cella, sporco nel corpo e nello spirito, ecco che incontro Colei che personifica la purezza e la libertà di essere figli di Dio e che è venuta lo stesso da me facendo ciò che avrebbe fatto Gesù: soccorrere un suo figliuolo che chiedeva aiuto. Non l’ho conosciuta in un luogo di apparizione mariana o durante un pellegrinaggio ma in un posto di espiazione e di emarginazione, segno della grandezza di Dio che sa leggere nel cuore dell’uomo prima ancora della sua condizione esistenziale. Io ho cercato con tutto me stesso, forse anche perché spinto dalla disperazione, la madre di Dio, ma l’ho cercata davvero, questo è stato importante, e l’ho fatto pur essendo protestante e persino contro il volere del pastore che mi aveva seguito fino ad allora  e dei fratelli della chiesa alla quale appartenevo, che continuavano a pregare costantemente per me. Ma la presenza amorevole di Maria, la sua vicinanza, la sua premura, la sua infinita dolcezza mi hanno spinto a fidarmi di lei. I frutti si sono rivelati tutti positivi: sono uscito da quel posto l’11 febbraio, nella ricorrenza del giorno della prima apparizione della Madonna a Lourdes, e da quel momento, la Vergine mi ha portato sempre più vicino a Gesù e sempre più lontano dal maligno e forse è anche per questo che Dio l’ha messa sul mio cammino, proprio in virtù del fatto che contro i demoni d’impurità, era necessaria la presenza della infinita purezza di Maria per scacciarli, la vicinanza della madre di Cristo è infatti una potentissima arma dopo il sangue di  Gesù. Oggi il mio rapporto con la Madonna è splendido e commovente, sento la sua presenza materna, mi protegge e  mi guida, ora finalmente riposo tranquillo la notte con al collo la sua medaglietta miracolosa, comunica con me attraverso locuzioni di pensiero fin quasi a percepire anche la voce, non la vedo ma è come se fosse visibile con gli occhi dello spirito, so che in punto di morte lei ci sarà, come ha promesso a Fatima a tutti coloro che faranno il percorso dei 5 sabati, cammino che io ho già fatto con gioia e dedizione. Mi manda molti segni, soprattutto rose, cuoricini e coroncine di rosario che trovo per terra, sulla mia strada. Ogni anno per l’8 dicembre, ricorrenza dell’Immacolata Concezione, mi chiede di portarle una rosa e di deporla sotto i piedi della statua di Montalto che la raffigura, qui a Messina e che per per me è come una piccola Lourdes o Fatima o Medjugorje. Ho imparato a recitare tutti i giorni, la mattina, prima di alzarmi e dopo aver ringraziato il Signore per avermi donato un altro giorno di vita, il rosario e sempre tutti i giorni, puntualmente alle 3 del pomeriggio, dico la coroncina alla divina misericordia. Oggi sono un uomo completamente cambiato in positivo e vivo una vita di preghiera e di condivisione con i miei fratelli in Cristo e quello che, grazie alla fede è avvenuto in me, Dio è pronto a  farlo con chiunque, anche col più incallito peccatore, non aspetta altro, gli basta perfino un piccolo segno, desidera essere cercato ed è sempre pronto a perdonare e a ridare una vita piena di significato e di amore. Se guardo indietro nel mio passato, mi rendo conto di quanta strada ho fatto grazie al Signore, che va ringraziato sempre. Non riconosco affatto quello che ero ieri prima di aver sperimentato la presenza di Cristo nella mia vita, era un’altra entità negativa che agiva al posto mio, dico sempre che ero io ma non ero io. Ovviamente sono rientrato nella chiesa cattolica perché sono troppo innamorato spiritualmente della Madonna e questa gioia che provo dentro non mi è stato possibile condividerla con i fratelli protestanti ai quali non potevo esternarla ma dico grazie ugualmente alla chiesa evangelica alla quale devo molto perché è lì che ho mosso i miei primi passi del mio cammino spirituale, lì ho trovato la mia prima vera àncora di salvezza, la prima luce tra le tenebre che mi avvolgevano ma col senno di poi penso che doveva andare così secondo il progetto che Dio aveva stabilito per la mia vita. Frequento il Rinnovamento nello Spirito, un gruppo di preghiera di ispirazione cattolica che mi ricorda il modo di pregare degli evangelici, ho capito l’importanza della confessione per riconciliarsi con l’abbraccio del Padre e la bellezza dell’incontro con Gesù attraverso la santa messa e l’eucarestia. Ho un solo e unico rimpianto: quello di non aver incontrato prima Gesù, specie quando ero ancora adolescente, la mia vita sarebbe stata tutta diversa con la sua presenza in me. Per questo mi sento il dovere di dire ai giovani con tutto il mio cuore: cercate Cristo e dialogate con lui come con un amico sincero e non rimarrete delusi e con la stessa intensità di sentimento dico ai genitori: educate i vostri figli alla fede facendo da esempio perché Dio ve ne chiederà conto, spalancate le porte delle vostre case a Gesù e pregate ogni tanto riuniti in famiglia, preghiera che ha un valore immenso agli occhi di Dio. Auguro di cuore a tutti voi, specialmente a chi è lontano dalla fede, di cambiare la direzione della propria vita e di dirigere i propri passi verso Cristo, l’unico che può veramente cambiare il corso e lo scopo della nostra esistenza terrena, dando una gioia vera, profonda e duratura che non è di questo mondo, preludio dell’infinito amore che caratterizzerà la nostra vita immortale. Io sono convinto che l’unico vero dramma o lutto nel nostro più o meno breve transito su questa terra, sia l’assoluta mancanza di Dio nella nostra vita e sono certo che fin quando il Signore ci lascerà vivere quaggiù, fino all’ultimo soffio di vita, ci sarà sempre la possibilità di cercarlo e di rimediare alle nostre mancanze ma quando si chiuderanno definitivamente i nostri occhi terreni, non ci sarà più tempo per rimediare e  per tornare indietro e sarà troppo tardi.

Dio mi benedica e benedica tutti coloro che leggeranno e faranno tesoro di questa mia testimonianza.

CLAUDIO CISCO

Madonna-psicologia-freud-jung21maria-blog

—————————————————————————————————————-

 

1297148613

 

 

io_la_ho_vista

IO L’HO VISTA

Io l’ho vista

quand’ero ancora adolescente

e mi sentivo solo,

in quel freddo pomeriggio d’inverno

nel silenzio

in quella grotta buia coperta da fronde.

L’ho vista

nella sua nudità d’angelo

librarsi in volo con le sue ali dorate,

mi ha parlato

con la sua voce dolce e suadente.

L’ho vista, lo giuro!

anche se nessuno mi vuol credere,

mi ha detto di non svelare il suo segreto

che da allora è anche il mio.

Nella notte delle stelle cadenti

sono tornato nel punto dove mi è apparsa

ma non ho veduto più nulla

silenzio assoluto anche del vento,

ma una luce brillante si è accesa

subito dopo che sono andato via.

 

nettuno

LA SPOSA DEL MARE
Il suo corpo appartiene solo al marefedele sposa e amante del potente Nettuno.

Avanza elegante tra schiere di delfini

nel suo abito bianco,

spuma di cristallo

come velo d’argento

dal riflesso lunare.

Avanza la sposa sopra le onde,

cadono fiori dal cielo stellato, cielo che si confonde col mare,

brezze di vento

alitano accanto,

leggero un profumo di conchiglie si diffonde sulle coste.

E’ un rito la sua danza

sulle acque in controluce,

lontano si ode un canto.

 

 

 

CREATURE SAFFICHE

saffoSapphoErinna

Svelatemi

o Numi del cielo

o amabile Venere

o chiunque abbia creato L’Eros,

svelatemi vi scongiuro

l’arcano mistero di costoro:

son giovanissime dee puttane

o dolci figlie di Saffo?

Ninfette in amore,

amabili crature saffiche

con i loro corpi nudi

attorcigliati e avvinghiati uno sull’altro

fino a formarne uno solo.

Anima nell’anima

respiro nel respiro

fiamme di paradiso.

Acerbi potentissimi sensi

scambiatevi lancinanti effusioni,

esplodete di malizia e innocenza.

Brividi, sussulti e fremiti

son lugubri rintocchi di messa funebre,

orgasmi, orgasmi e orgasmi

rosari sussurrati nel silenzio della chiesa.

Grazie potente Zeus

grazie divinità tutte dell’Olimpo

per avermi donato occhi

che possono ammirare

così celestiale visione.

Perdonami Dio della bontà e della purezza

ma io non so rinunciare

alla tentazione di quei corpi.

zeus (1)



 in foto: CLAUDIO CISCO “ritratti d’autore”

405997_4480262918450_724983853_nuid_11ad967e4a4_580_0  img530uid_11e1c498ef7_580_0

 

POESIE DI CLAUDIO CISCO DEDICATE ALLA L U N A

uid_11e0d0115ba_580_0.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

adolescente_luna

 

PREGHIERA D’UN’ANIMA IN PENA ALLA LUNA

Luna,

tu muta e bianca

sul destino degli umani

posi silente lo sguardo.

Solinga e distante,

sorella del buio e delle ombre,

non ti diletti e non piangi

ma taci,

osservi e sempre taci.

Eppure chi può dirmi se non tu sola

se è per natura perdente l’umana sorte

o se riposerà alfin ciascun mortale

e avran sollievo le sue notturne paure?

Vorrei chiederti o mia cara luna

a che serve vivere

e dove porta questo terreno viaggiare,

per cosa si arresteranno i battiti del mio cuore?

Ma tu mi appari misteriosa e vana

come lo è tutta l’esistenza umana

senza risposte, né certezze,

incurante della mia anima che anela, brama di sapere.

Io fragile essere, piccolo e limitato

tu immortale creatura d’uno sconfinato universo,

eppure quanta grandezza nell’umano spirito

nel desiderare l’infinito pur comprendendo la propria piccolezza!

Silenziosa luna presto dovrai andar via,

l’alba si sta svegliando,

la terrena notte illuminerai nuovamente alla fine del giorno

ma gli occhi del mortale uomo rivedranno ancora luce?

e le piante e gli animali tutti qual destino avranno?

Luna

musa ispiratrice di poeti e cantanti,

meta irraggiungibile di sogni lontani,

compagna notturna di viandanti e zingari,

lascia che io alzi lo sguardo fino a te,

ultima sconsolata preghiera d’un’anima in pena.

Tu luna vegli sopra uno strano mondo

fatto di pazzi.

Qui non c’è amore né comprensione

ed io non voglio più starci.

Un immenso buio

ha schiuso le ali sul mondo

e sul cuore degli uomini,

e questa notte sembra non aver mai fine.

Addio anche a te luna!

la mia solitudine è ormai segnata

in un presagio di morte

che prelude al pianto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA LUNA DI PETER PAN

 

Sentirsi eterni adolescenti

 

o addirittura curiosi bambini

 

alla meravigliosa scoperta del mondo.

 

Presi per mano dalla fantasia,

 

sospesi fra le nuvole

 

tra favole ed eroi,

 

viviamo nella città dei sogni.

 

In fondo

 

siamo creature talmente vulnerabili e fragili

 

che finiscono per provare realmente

 

i sentimenti e le emozioni che immaginano.

 

E rifiutare di crescere,

 

fuggire dalle proprie responsabilità,

 

annullare la vecchiaia e cancellare la morte.

 

Tutto è ingenuità,

 

disarmante stupore,

 

poetica avventura,

 

tenerissima immaturità.

 

Avere per amici solamente

 

gli artisti,

 

gli uccelli,

 

gli acrobati,

 

gli angeli

 

e tutti coloro i quali

 

con i piedi per terra

 

un senso non hanno.

 

Viaggiare con la mente,

 

leggeri come piume

 

che non atterrano neanche senza vento,

 

col dono dell’immunità’

 

verso i problemi pratici quotidiani,

 

incontaminati dalla crudeltà del materialismo.

 

Noi siamo Peter Pan,

 

affetti da una sindrome cronica

 

che non si potrà mai curare

 

e che si nutre ogni giorno

 

di nuovi colori, nuove sensazioni,

 

abbiamo la luna sempre negli occhi

 

siam pronti a raggiungerla in ogni magico istante.

 

Siam veramente malati e patologici?

 

o forse siamo solo

 

più fortunati di altri,

 

capaci di essere noi stessi.

 

Credo che siamo davvero vicini a Dio

 

e veniamo da un mondo

 

che sta al di là.

 

 

 

 

 

 

 

 

ESTASI LUNARE

 

Vedo l’inviolabile notte implorare,

 

mi muoverò lentamente in un arido silenzio

 

come un gatto protetto dalla sua torpidezza,

 

cullerò un’infinità di rumori e di fumo

 

e a stento la notte ritroverà la sua pace.

 

Vedo un lucente angelo esanime,

 

infido torcerò gemme colorate

 

e vagherò nudo, tedioso e inerte

 

tra i docili fremiti degli antri di donna

 

e a stento l’angelo ritroverà la sua forza.

 

Vedo un’incantevole regina piangere,

 

rifiorirò tra le grinfie dell’amore e della vita

 

nel perduto e meraviglioso oblio rosso

 

sussurrando poesie tra le spire d’una stella

 

e a stento la regina ritroverà il suo sorriso.

 

Vedo una bambina perdere la sua infanzia,

 

insidierò ancora l’umidità delle tentazioni,

 

eviterò l’abbaglio dei cristalli

 

cancellando anche il sapore della nebbia

 

e a stento la bambina ritroverà il suo gioco.

 

Ma nel solenne splendore delle mie visioni

 

della notte, dell’angelo, della regina

 

e persino dell’innocente bambina,

 

attenuerò il lacerante taglio dei ricordi

 

e danzerò nell’estasi lunare.

 

 

 

 

 

 

 

ADOLESCENTE LUNA

 

Erano brevi attimi di buio

 

interrotti da labbra di neve,

 

addolciti da profumi d’incenso

 

e deliziose manie.

 

Era l’estate appagante

 

nella sua rossa solitudine

 

assordante di rumori al sapore di grano.

 

Ti adoravo mia adolescente luna,

 

disegnandoti sul mio diario segreto

 

illuminavi i miei giorni confusi, le notturne paure,

 

e le memorie ancora acerbe prendevano forza

 

in una danza eclettica di ondeggianti stelle.

 

Eri mia, lunghi fianchi sinuosi

 

distesi su letti d’argento,

 

e lì riappariva il mare nella sua immensa distesa.

 

Oggi che i miei giorni si consumano di vecchiaia,

 

sei ancora mia

 

attraverso rughe di arrugginite memorie.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I SEGRETI DELLA LUNA

 

Per ore lunghe e lievi

 

ho scrutato i segreti della luna,

 

e senza accorgermi,

 

una notte dietro l’altra,

 

ho cercato una forma di vita

 

sul suo pallido volto

 

per colmare questo purpureo calice

 

ancor vuoto.

 

È vero,

 

eterni sentimenti ci uniscono,

 

e come lupo in fuga,

 

orfano d’eteree rimembranze,

 

tendo le mani e la ricerca

 

nel mezzo dei suoi argentei fili,

 

chioma di madre celeste.

 

Non sogni o fatue visioni,

 

non amori o delitti,

 

non tormento o quiete

 

a cui abbandonarsi

 

finché lei resta lassù

 

con il capo chino

 

sulle mie mani aperte.

 

 

images.jpg

 

 

 

 

 

 

OSSESSIONE PER UNA NINFETTA

uid_11c95701658.50.0

(Dal libro Lolita di V. Nabokov)

Spiccava col suo giovane corpo e l’aria da bambina tra la gente ignara
quel piccolo micidiale demonietto,
inconsapevole anche lei del proprio fantastico potere.
Mi guardò col suo visino indecifrabile di ragazzina tredicenne
come se mi avesse letto il desiderio negli occhi
fino ad intuirne la profondità
e nel preciso momento in cui i nostri occhi s’incrociarono,
tra di noi si stabilì subito un’intesa
capace di annullare in quell’attimo qualunque barriera
ed io non avrei potuto abbassare gli occhi
neanche se fosse stata in gioco la mia vita.
La sfiorai ma senza osare toccarla,
respirai intensamente quella sua delicata fragranza
che sapeva di borotalco
e da quel punto così vicino eppure disperatamente lontano
ebbi per la prima volta la consapevolezza,
chiara come quella di dover morire,
di amarla più di qualsiasi cosa avessi mai visto o potuto immaginare
e di voler essere il primo ad assaporare quel piacere proibito
che soltanto la mia giovanissima dea dell’amore
avrebbe saputo offrirmi
in un paradiso illuminato dai bagliori dell’inferno.
Un uomo normale,
forse per vergogna o sensi di colpa,
scaccerebbe via dalla propria mente simili pensieri.
Bisogna essere artisti,
eterni bambini sempre in volo senza logica nè equilibrio
folli di malinconia e di disperazione
di solitudine e di tenerezza
per lasciarsi totalmente trasportare e tormentare
dalla magica ossessione per quella ninfetta.

 

 

BELLA MESSINA

Come chiave d’oro che apre al paradiso,
Messina spalanca la porta alla Sicilia perla incantevole.
Bella Messina
che si lascia corteggiare da due mari,
contemplata dall’alto dalle sue montagne,
sempre spettinata dal vento,
bagnata dal mare ed asciugata dal sole,
Messina presa per mano dalla Madonna.
Bella Messina
quando dondola dolcemente le navi del suo porto,
quando incoraggia e protegge il sudato lavoro dei suoi pescatori,
quando saluta piangendo ma aspetta con ansia
il ritorno d’un suo figliolo che s’allontana senza lavoro,
quando nelle sue ville accompagna il lento andare d’un vecchio,
guarda commossa gl’innamorati delle sue panchine,
gioca trasformata in bambina con i suoi piccoli.
Bella Messina
quando si tinge di giallorosso dietro la sua squadra,
quando si pavoneggia per accogliere i forestieri,
quando tutta parata si trucca con i colori della Vara

ed il mito dei Giganti,

divertente e scapestrata come il suo dialetto.
Messina lunga donna dagli esili fianchi
con gli occhi blu come il suo mare
ed i capelli d’oro come il sole delle sue spiagge,
baciata sulla superficie del mare da mille gabbiani,
che col suo stretto maliziosamente s’avvicina senza lasciarsi toccare,
Messina che all’alba apre gli occhi sul mare
e di notte s’addormenta sotto un lenzuolo di mille luci.
Messina solare dalle ali libere verso l’orizzonte
con gli occhi luminosi mai annebbiati,
sposa d’un clima ch’è armonia in ogni stagione,
Messina che con frutti e fiori profuma di primavera.
Bella Messina
defunta ma risorta dopo il 1908,
Messina che vuole andare avanti, che non vuol morire più
vestita ormai di abiti sempre più moderni.
Bella la mia Messina
è la mia terra, la mia città
qui sto bene, sono felice,
ogni sua strada, ogni sua via
è casa mia, il mio giardino.
In lei sono nato
ed in lei voglio morire.

safe_image

 

 

 

 

NOSTALGIA

nostalgia

Le inquietudini del mio primo bacio

e poi le affascinanti scoperte intime

i primi turbamenti

quei peccati d’una età che non torna più

scomparsa per sempre.

E tu sorellina timida timida

ed io fratellino impacciato e buffo,

tra sguardi e silenzi

ci spiavamo dentro l’anima

imparavamo ad amare.

Provo con la fantasia a tornare bambino

insieme con te

nella poesia di quel nostro magico mondo.

Cerco invano

di ricreare quegl’innocenti momenti intensi

mi ritrovo il fantasma d’un uomo già inesorabilmente invecchiato.

Quelle due giovani creature

ora son come cristalli di ghiaccio d’un viso d’inverno.

Quell’antica primavera

è ormai neve e gelo.

 

 

IL SILENZIO NEL SILENZIO

il_silenzio_nel_silenzio (1)

Erba appena bagnata sulla livida terra,

odore di pioggia da poco caduta

trasporta nell’aria bollicine di sogni,

in questo autunno che scorre lento…

Silenti alberi ammutoliti e spogliati

attendono stanchi giovani foglie,

con la nuova stagione arriveranno

in questo autunno che respira lento…

Un colore giallognolo suggestivo e irreale

avvolge ogni cosa di magico incanto,

sfumature di anime invocano il sole

in questo autunno che sbadiglia lento…

Piante e animali stanno dormendo

la natura è un fantasma che si aggira ramingo,

persino le pietre chiudono gli occhi arrossati

in questo autunno che dorme lento…

Non si avvertono rumori, non si odono lamenti

non c’è più linfa, è sottratta ogni energia,

domina il nulla immobile e statico

in questo autunno che tace lento…

Una coltre di nebbia come una nuvola

disegna il paesaggio di malinconica assenza,

una sottile tristezza scende sul cuore

in questo autunno che muore lento…

E in questo bosco solitario e sperduto

dove anche il vento non ha la forza di soffiare,

io perdo me stesso ed i miei pensieri

e nel silenzio io rimango in silenzio.

 

 

SENSAZIONI

SENSAZIONI

E’ tutta avvolta

nel mistero e nella meraviglia

questa vita mia,

con genuino e infantile stupore

della natura

osservo ogni manifestazione

fino ad esserne rapito.

Con sensibilissima attenzione,

nel silenzio,

ascolto

le voci,

i suoni

anche i più tenui,

delle piccole cose

intorno a me.

Affascinato e curioso,

percepisco

la suggestione,

la religiosità,

il mistero

nascosti in esse.

Ai miei occhi

non appaiono

sempre traducibili e afferrabili

ma sciogliendosi in musica,

in sospiro,

mi riempiono

ugualmente

l’animo d’immenso

 

 

PRIMAVERA

PRIMAVERA

Petali di fiori,

ali di farfalle,

canti di uccelli,

profumi nell’aere.

Il sole che sorride,

il cielo che sta a guardare.


PER VISIONARE LE FOTO DELL’AUTORE CLAUDIO CISCO CLICCARE SUL LINK QUI SOTTO:

https://photos.app.goo.gl/TWNuEY5e0R4rCjsP2


CLAUDIO CISCO scrittore e poeta 

nato a Messina il 18-10-1964

safe_imagein foto: CLAUDIO CISCO “ritratti d’autore”

20140826122528826 1Foto 1

uid_11e1c439068_580_0uid_11e1d2d65bf_580_0

Paese natìo di mia madre—Nico

Paese natìo di mia madre

555330_4787109888105_1326729370_n.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Al tuo paese torni

con me

ogni tanto,

ma sei triste

pensierosa

non parli.

La tua fontana rivedi

i vicoli

la piazza

che a miglior tempo

ti furono amici.

Anche la tua casa

giace silente e vuota

negletti i fiori

accanto ai muri.

Guardi fissa la chiesa

e odi la voce

di chi la preghiera

t’insegnò a ripetere.

Vedi tutti i ricordi

segnati da croci

cerchi ma non trovi

la speme d’un dì.

 

——————————————————————————————————————–

Proprietà letteraria riservata
by Claudio Cisco
deposito S. I. A. E. n. 0603779


SENSAZIONI

E’ tutta avvolta
nel mistero e nella meraviglia
questa vita mia,
con genuino e infantile stupore
della natura
osservo ogni manifestazione
fino ad esserne rapito.
Con sensibilissima attenzione,
nel silenzio,
ascolto
le voci,
i suoni
anche i più tenui,
delle piccole cose
intorno a me.
Affascinato e curioso,
percepisco
la suggestione,
la religiosità,
il mistero
nascosti in esse.
Ai miei occhi
non appaiono
sempre traducibili e afferrabili
ma sciogliendosi in musica,
in sospiro,
mi riempiono
ugualmente
l’animo d’immenso.


FOLGORI

Ci sono macchie scure, zone d’ombra che anziché scacciare ho alimentato,

Che non riesco ad estirpare mai dal mio io: frutti cattivi d’un albero buono,

Enigmi interiori della mia mente, sempre invasa da concupiscenti tentazioni demoniache,

Carnali follie indecifrabili radicate in me sin dalla nascita:

Perdonami mamma!

Se non son riuscito ad essere ciò che volevi,

Per non aver saputo vivere una vita normale: una falsa libertà mi rendeva schiavo.

Ora che tu non sei più capisco che l’unica ragione della tua vita ero io

Le tue parole scuotono la mia anima

Come folgori nella notte, ho sfigurato la bellezza dell’anima scandalizzando i miei occhi;

Rimane il rimpianto di non averti ascoltata e il doloroso esame d’un passato ingolfato di sbagli.

Ma vi è un’unica grande consolazione dopo la tua morte, segno di vittoria:

L’imbattibile tempio di Satana fatto di lussuriose immagini oscene,

Eretto in segreto a casa mia, ora brucia nel fuoco, umiliato ed impotente,

Ridotto in cenere, trasformato in sporcizia e spazzatura.


PRIMO AMORE

Un’ondata improvvisa di luminosi ricordi
sommerge per un attimo i duri scogli della mia realtà
e la schiuma che ritorna al mare
lascia un immenso prato verde
ricamato morbidamente dalle esili mani della primavera.
E in quel giardino, d’incanto, sbocciarono fiori di mille colori
e ali dorate di farfalle.
Lì v’era un bimbo che inseguiva felice il volo d’un aquilone
ed una bambina che sfogliava dolcemente i petali d’una margherita.
Era bello correre insieme a lei mano nella mano
tra le spighe di grano più alte di noi
e l’azzurro del cielo che sembrava così vicino, non finire mai
saltellare a gara con i cerbiatti
e seduti in riva al ruscello
gettare ramoscelli sull’acqua per vederli galleggiare dolcemente
e all’imbrunire, sudati e sporchi di terra,
scappare sul colle più alto
ed osservare il volo libero di stormi di gabbiani su oceani limpidi
aspettare in silenzio l’arrivo dell’arcobaleno con i suoi mille colori.
E lì: “io ti voglio bene anche se non so baciare” le dissi
col cuore che batteva forte come un uragano,
lei sorrise, mi baciò la guancia
e sbocciava così il mio primo amore
mentre una cicogna volteggiava in festa per me.
Ed ora, proprio in quest’istante mentre ti bacio amore mio,
io rivivo l’emozione d’allora
la stessa gioia ti giuro, lo stesso candore,
e quanti ricordi ancora vorrei rivivere con te
non più da bambino ma da uomo ormai.
Quante piccole emozioni nascoste in fondo al mio cuore
vorrei regalarti!
quanti segreti avrei da svelarti!
ma tu, tu non capiresti mai
perchè non so capirmi neanch’io
e non so come mai sta con un ragazzo come me
che ha ancora quei prati vergini nell’anima
che resta sempre solo anche se tu sei qui vicino a me
pronta ad amarmi, che buffo!
Ti prego non dirmi che sono un bambino
anche se non so far l’amore
anche se il mio mondo è ingenuo.
Tu mi sorridi e sfiorandomi la mano mi dici:
“non esiste al mondo ragazzo migliore di te”.
Amore mio,
io ti amo per non sentirmi solo,
per sorridere e volar via,
per vincere la paura che c’è in me,
per fermare la mia giovinezza che va via.
Amore mio,
è così naturale essere felici
come mai la gente non lo sa,
non mi crede!


IN SILENZIO

Io e te,
mano nella mano,
camminiamo verso il sole
guardandoci in silenzio.
Le nostre orme
sono raggi di luce,
nel loro chiarore, riflesso
osservo il tuo viso
dolcissimo
che m’incanta,
in silenzio.
Siamo solo noi due,
creati l’uno per l’altra,
rapiti da questo sole immenso.
Un amore senza fine,
grande più di noi,
ci trascina via lontano
e tu esisti ormai dentro di me
ti sento in ogni parte del corpo,
tu sei l’aria che sto respirando,
sei la mia stella che brilla nel cielo.
Vicinissimi,
avvolti dal calore,
noi ci amiamo
sfiorandoci in silenzio.
Siamo in viaggio da qui all’eternità,
eroi di un sogno in questo breve vivere,
non svegliamoci mai!
ed ora in quest’istante magico,
tu ed io siamo un solo essere
non so più dove finisci tu e comincio io,
dove si dilegua il sogno e appare la realtà.
Ora tutto acquista un senso
e finalmente scopriamo insieme
che c’è qualcosa di noi,
un motivo per vivere.
Non siamo più soli,
finchè mi starai vicina
saprai tutto di me,
avrai il meglio di me stesso
e tu con me sarai sincera.
Stringimi la mano più forte,
sei l’unico scudo tra me e il mondo,
ho bisogno di te per non morire.


BELLA MESSINAsafe_image

Come chiave d’oro che apre al paradiso,
Messina spalanca la porta alla Sicilia perla incantevole.
Bella Messina
che si lascia corteggiare da due mari,
contemplata dall’alto dalle sue montagne,
sempre spettinata dal vento,
bagnata dal mare ed asciugata dal sole,
Messina presa per mano dalla Madonna.
Bella Messina
quando dondola dolcemente le navi del suo porto,
quando incoraggia e protegge il sudato lavoro dei suoi pescatori,
quando saluta piangendo ma aspetta con ansia
il ritorno d’un suo figliolo che s’allontana senza lavoro,
quando nelle sue ville accompagna il lento andare d’un vecchio,
guarda commossa gl’innamorati delle sue panchine,
gioca trasformata in bambina con i suoi piccoli.
Bella Messina
quando si tinge di giallorosso dietro la sua squadra,
quando si pavoneggia per accogliere i forestieri,
quando tutta parata si trucca con i colori della Vara

ed il mito dei Giganti,

divertente e scapestrata come il suo dialetto.
Messina lunga donna dagli esili fianchi
con gli occhi blu come il suo mare
ed i capelli d’oro come il sole delle sue spiagge,
baciata sulla superficie del mare da mille gabbiani,
che col suo stretto maliziosamente s’avvicina senza lasciarsi toccare,
Messina che all’alba apre gli occhi sul mare
e di notte s’addormenta sotto un lenzuolo di mille luci.
Messina solare dalle ali libere verso l’orizzonte
con gli occhi luminosi mai annebbiati,
sposa d’un clima ch’è armonia in ogni stagione,
Messina che con frutti e fiori profuma di primavera.
Bella Messina
defunta ma risorta dopo il 1908,
Messina che vuole andare avanti, che non vuol morire più
vestita ormai di abiti sempre più moderni.
Bella la mia Messina
è la mia terra, la mia città
qui sto bene, sono felice,
ogni sua strada, ogni sua via
è casa mia, il mio giardino.
In lei sono nato
ed in lei voglio morire.



AQUILA DALLE GRANDI ALI

Salti per il mondo,
e in cima
in un attimo ti ritrovi,
da quell’altezza
sei tu la padrona,
niente potrà più fermarti.
Aquila dalle grandi ali
ti stagli di profilo,
i tuoi occhi
puntano la preda.
Cosa ricordi di te stessa?
forse il fiore che ti generò,
il respiro del fuoco,
l’aria aperta.
A chi somiglia?
della natura sei complice
bocca bellissima.
Non avrò timori,
il sentiero è dritto
e la ghiaia è bianca.
L’erba che raccoglierai
sul ciglio ti basterà,
e gli anni futuri
ti vedranno fiera
in cima alla montagna.
Ed io saprò dove cercarti:
nel tuo nido.



LA FINE DELLA CICOGNA

Un serpente velenoso
s’insinua vischioso nel mio giardino d’infanzia,
due mani sporche di fango,
maliziosamente,
rubano al mio impubere corpo
l’innocenza.
Sui miei occhi appena aperti
calano inesorabili ombre
senza più luce.
I sorrisi ingenui delle fate
divengono
tentacoli della paura.
Muore sbocciando
quel fiore reciso
che non crescerà più.
Mi hanno ucciso la cicogna
e con lei anche Gesù Bambino.



IO L’HO VISTA

Io l’ho vista
quand’ero ancora adolescente
e mi sentivo solo,
in un freddo pomeriggio d’inverno
nel silenzio
in quella grotta buia coperta da fronde.
L’ho vista
nella sua nudità d’angelo
librarsi in volo con le sue ali dorate,
mi ha parlato
con la sua voce dolce e suadente.
L’ho vista, lo giuro!
anche se nessuno mi vuol credere,
mi ha detto di non svelare il suo segreto
che da allora è anche il mio.
Nella notte delle stelle cadenti
sono tornato nel punto dove mi è apparsa
ma non ho veduto più nulla
silenzio assoluto anche del vento,
ma una luce brillante si è accesa
subito dopo che sono andato via.



L’ANGELO NERO

L ‘angelo nero è tornato
a bussare alla mia porta.
E’ entrato
senza che me ne accorgessi.
Nel silenzio assoluto
dei suoi passi inesistenti,
mi avvolge nel suo manto
fatto di fumo e di tenebre.
Muta creatura
della notte più buia,
mi hai preso
senza che un lamento
venisse fuori dalle mie labbra gelide,
bianche come la cera.
Ora sono anch’io una creatura della notte,
una sorta di vampiro
assetato di via, assuefatto di morte,
faccio parte del tuo mondo allucinante.
Voglio solo fuggire via nell’oscurità,
spiegare le mie ali di pipistrello
e volare lontano
nella notte che adesso sento d’amare.
Fuori il fiume sta scorrendo,
dentro il fuoco non si spegne
mai un momento,
ed io come ti sento, io ti sento!
E tu angelo nero,
ormai vivi nell’oscurità della mia anima
come una candela accesa
che va spegnendosi lentamente
ma che non si consuma.



IL TUO ANGELO BAMBINO

In segreto,
un amore
ti dorme accanto,
muto ed invisibile,
ha soltanto occhi per guardarti
e mani che non possono stringerti.
Della sua malinconia
non ti accorgi,
quando lo guardi
e non lo vedi,
quando lo accarezzi
e non lo senti.
Come un fantasmino
si aggira per la stanza,
urla a volte
per destarti dal sonno
ma invano
e poi di nuovo tace
vinto dalla tua indifferenza
più solo e più piccolo di prima.


DOLCISSIMA STELLINA

Dolcissima Stellina,
timida come un pallido sole dietro le nuvole,
tenera come un piccolo usignolo addormentato sul nido,
dal sorriso luminoso e fresco come stilla di rugiada
tu sei per me il sogno d’una notte incantata,
l’effimera illusione d’un amore irrealizzabile.
Sei in questo mio vivere terribilmente oscuro
come una luce fioca
che da lontano cresce…cresce…fino ad abbagliarmi l’anima
col tuo modo di muoverti sublime come ali di cigno
e la tua voce melodiosa come cori di augelli.
Lacrime lucenti di gioia
brillano adesso nei miei occhi.
In un attimo
tu hai riempito di bello il mio cuore,
dipinto di sogno la realtà
ed io non vorrei mai più svegliarmi
da questo momento magico.
Sembra quasi d’averti già conosciuta
tanto tempo fa in qualche sogno lontano chissà dove!
e se guardo attentamente nel fondo dei tuoi occhi
scopro in essi l’infinito vibrare
e tu ed io uniti che voliamo via sempre più su senza limiti
dileguandoci come due gabbiani liberi verso l’orizzonte.
Restano ammutolite nel mio silenzio magico
mille parole, mille sensazioni che sento ma non riesco ad esprimerti.
Non so come spiegartelo

ma avverto dentro, qualcosa d’indefinibile mai provata prima

meravigliosamente reale al tempo stesso:

un bene prezioso e profondo sommerso in me stesso
come il rosso corallo negli abissi del mare.
Da una vita sono in cerca di te
ma tu sei più di quanto aspettassi.
Dolcissima Stellina,
abbi cura di te!
ti auguro di non cambiare
resta quel germoglio che sei adesso.
Non gettare al vento il fiore della tua giovinezza,
non smarrire col tempo la purezza dei tuoi sguardi,
l’armonia d’ogni tuo gesto
perchè solo tu riesci a sorridermi con gli occhi
hai in te qualcosa in più che appartiene solo agli angeli:
che ne sarà mai del tuo viso innocente e pulito
quando, domani, cadranno le lacrime degli anni?
e quel giorno, ora tanto lontano, ti ricorderai di me?
Addio mia dolcissima Stellina!
avrei voluto darti molto di più
tornando adolescente insieme con te nel tuo mondo
ma sono dai tuoi anni
ormai disperatamente lontano.
Ti lascio in questa poesia
il mio ricordo di ragazzo solo come te
ed ogni volta che la leggerai, d’incanto
non esisteranno più barriere nè distanze tra noi due,
io, di colpo, rinascerò in te
e tu, specchiata nella mia anima
sarai qui vicino a me.

uid_121697289bc.580.0


N I C O

foto della poesia NICO.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

Nico!

Ti ricordo ancora

avevi dodici anni, la mia stessa età

solo qualche giorno in meno.

Nico!

Sei nella memoria coi tuoi occhi scuri

una bocca grande ma con pochi denti

ti facevo il verso

non te la prendevi.

Nico!

Eri sempre con le brache corte

e le gambe viola

per il grande freddo.

Nico!

Ma com’eri buffo

con quel cappellino con il paraorecchie

una grossa sciarpa fatta da tua mamma

come ci tenevi.

Nico!

Il compito in classe

lo copiavi sempre da me

eri furbo

non so come facevi.

Nico!

Insieme sulle piante

a buttar giù palle di neve

alle barbagianne, le ragazzine con gli occhiali

quelle proprio racchie.

Nico!

Non ti ricordi le mele

rubate insieme e mangiate di nascosto

in quel mercato rionale?

E le domeniche d’agosto?

correvamo per le strade deserte

c’eravamo solo noi

chissà cosa volevamo dalla nostra vita!

Nico!

Eri il mio migliore amico

un giorno mi dicesti:

“Se fossi nato femmina ti amerei”.

Quel giorno al doposcuola

ci presero un po’in giro

avevano scoperto

i nostri giochi strani.

Non mi vergognavo di volerti bene, di prenderti per mano,

di regalarti il mio affetto

quello che riuscivo a darti,

quello che potevo darti.

Nico!

Ma tu adesso cosa fai?

chissà se ti sei sposato, se hai dei figli

se pensi ancora a noi.

Com’era bello uscire da scuola!

e col sole o con la neve

tornare a casa

insieme.

Nico!

uid_1221f6a4296_580_0

——————————————————————————————————————–

OSSESSIONE PER UNA NINFETTA

uid_11c95701658.50.0

(Dal libro Lolita di V. Nabokov)

Spiccava col suo giovane corpo e l’aria da bambina tra la gente ignara
quel piccolo micidiale demonietto,
inconsapevole anche lei del proprio fantastico potere.
Mi guardò col suo visino indecifrabile di ragazzina tredicenne
come se mi avesse letto il desiderio negli occhi
fino ad intuirne la profondità
e nel preciso momento in cui i nostri occhi s’incrociarono,
tra di noi si stabilì subito un’intesa
capace di annullare in quell’attimo qualunque barriera
ed io non avrei potuto abbassare gli occhi
neanche se fosse stata in gioco la mia vita.
La sfiorai ma senza osare toccarla,
respirai intensamente quella sua delicata fragranza
che sapeva di borotalco
e da quel punto così vicino eppure disperatamente lontano
ebbi per la prima volta la consapevolezza,
chiara come quella di dover morire,
di amarla più di qualsiasi cosa avessi mai visto o potuto immaginare
e di voler essere il primo ad assaporare quel piacere proibito
che soltanto la mia giovanissima dea dell’amore
avrebbe saputo offrirmi
in un paradiso illuminato dai bagliori dell’inferno.
Un uomo normale,
forse per vergogna o sensi di colpa,
scaccerebbe via dalla propria mente simili pensieri.
Bisogna essere artisti,
eterni bambini sempre in volo senza logica nè equilibrio
folli di malinconia e di disperazione
di solitudine e di tenerezza
per lasciarsi totalmente trasportare e tormentare
dalla magica ossessione per quella ninfetta.

———————————————————————————————————

QUELLA STRANA RAGAZZA
Magia di una notte di luna piena. Non riuscivo a dormire. Le tende bianche svolazzavano leggere e una chiara luce illuminava la stanza. Il respiro del mare arrivava alle mie orecchie, il richiamo era troppo grande per resistere. Una figura dai lunghi capelli biondi, innamorata del suo mare, veniva verso di me. il suo sorriso era dolce, i suoi occhi tristi, quella strana ragazza confidava al mare sogni e segreti, sicura che mai nessuno li avrebbe rubati. Disperato io la chiamavo in quella notte di luna piena, avevo bisogno che qualcuno mi ascoltasse, sognasse per me. E lei era già là a piedi scalzi sulla sabbia umida e fresca, si lasciava accarezzare dalle onde. I suoi occhi erano quelli del mare, guardavano la luna e il suo chiarore, inseguivano i suoi desideri, rincorrevano i suoi sogni. La luna era alta nel cielo, la sua luce argentea illuminava il mare. Gli occhi di quella strana ragazza seguivano il ritmo delle onde, la vedevo correre, ritornare a vivere.
ragazza

——————————————————————————————————————– 

NISIDA

Sconosciuta Nisida, sacerdotessa del male

misteriosa, imprendibile, diabolicamente angelica

dimmi ti prego: chi sei?

Fai parte del mio mondo mortale

o ti ha partorito la mia immaginazione?

Sei una creatura di carne e ossa

oppure un’entità figlia di magia e misteri?

Ogni notte ed alla stessa ora

puntuale mi rapisci col tuo campo magnetico

invisibile alone che dà piacere e uccide

e mi traforma in alieno uguale a te

estrema lotta fra carne e spirito

drammatico calvario di orgasmi e morte.

Ti scongiuro Nisida

svelami il tuo complicatissimo enigma

e rivelami se è donna o fantasma

colei che di notte fa l’amore con me.

Amabile folle creatura

da quale mondo vieni?

che poteri hai?

che specie di demone sei? Mi leggi la mente, oltrepassi i pensieri.

Non ho paura di te, sai: tu sei tutto quello che io sono

ma le conseguenze di questa tua presenza in me

non sono in grado di controllarle, potrebbero essere devastanti.

Io so da sempre

di non essere normale

legato da un cordone ombelicale alla solitudine

perso nei labirinti dell’angoscia

sospeso tra le forze del bene e quelle del male

aggrappato solo all’arte ed alla sua creatività.

Ma tu inafferrabile Nisida disegni il mio destino

sei una lama affondata nella mia carne che non trasmette dolore

una voce lunare che mi guida la mente come un sesto senso

ed hai disintegrato ogni equilibrio

ormai sono folle più dei folli.

E’ tempo di portarmi con te, seducente Nisida

questo mondo non è più per me

la mia anima è troppo inquieta e gitana per rimanere ancora,

ho conosciuto solo tenebre

ora voglio entrare nella luce.

bimbo-236x300

 

 

L’ALBA DELL’UOMO

alba_uomo_1alba_uomo2

IL MARE E LA BAMBINA

il_mare_e_la_bambina (1)

L’inesorabile sbattere delle onde

graffia gli scogli

li scolpisce, li modella.

La bambina,

con la vestina gialla e il fiocco stretto in vita,

ha negli occhi l’immagine del sole

per l’ultima volta visto.

Guarda il mare,

vi proietta quell’immensa luce.

E’ solo un attimo

e l’acqua la travolge.

E dopo è solo luce

luce che rischiara e scalda il mare

e la bambina è solo acqua.

 

EROS E MORTE

erosmorte

Eros e morte

camminano insieme,

l’uno a fianco dell’altro,

dall’origine dell’universo

sino all’eternità.

Non può esistere il sesso

senza l’incombente presenza della morte,

e non si può morire per sempre

se non si sparge prima su questa terra il seme dell’amore.

Ogni essere umano comincia a morire

da quando un orgasmo lo genera,

e conserva nella memoria d’una lapide

parte di quell’amore che non separa la vita dalla morte.

Non c’è maga Circe capace di convincere Ulisse

col dono dell’immortalità,

e non esiste spada di Damocle sul punto di crollare

che spaventi l’uomo

perchè quest’ultimo,

ostinato e vanitoso,

innamorato di quel breve soffio che è la vita,

è pronto a sfidare persino gli dei

pur di amare e morire,

respirando fino all’ultimo alito di vita,

sfruttando anche l’ultima goccia di sangue che arrivi al cuore.

Dinanzi a tanta meravigliosa presunzione di vitalità

anche l’Onnipotente resterebbe senza parole.

 

 

 

Da un chiarore lontano

spunta l’alba

repentinamente

e colora di luce il nuovo mondo.

Intorno,

piante stecchite

animali selvatici

grotte e caverne buie.

Si svegliano anche gruppi di scimmie

sono nude come vermi della terra,

schiamazzano

litigano

si riuniscono.

Qualcosa sembra dire loro:

“uniamoci

e combattiamo insieme”.

Una battaglia che durerà nei secoli

sino alla fine dell’universo

se fine ci sarà.

 

 

 

 


23905284_10213081398382061_528545462462346392_n

 CLAUDIO CISCO

Appassionato dell’arte in tutte le sue forme e manifestazioni, trova prestissimo la propria realizzazione artistica nella letteratura, anche perchè sollecitato sin da giovanissimo da una innata predisposizione verso la scrittura che si è rivelata sempre viva e costante. Compone incessantemente sia in linguaggio poetico che in quello prosaico. Tra i temi trattati dall’autore con maggiore interesse durante questo cammino letterario spiccano l’amore per l’adolescenza e più in generale per la giovinezza, la continua e spasmodica ricerca di un contatto quasi epidermico con la natura come rifugio personale fin quasi a sentirsi in perfetta simbiosi con essa, la sempre presente attrazione verso l’irrazionale e l’indefinito che trova nel mondo della fantasia e dell’onirico, del misterioso e del fabuloso, la pià alta espressione della sua creatività. Malinconia e tristezza, desiderio d’evasione e tematiche esistenziali ma anche romanticismo e psicologia dell’animo umano, rappresentano i sentimenti e le attitudini più consoni all’autore che traspaiono riflessi emergendo attraverso i personaggi da lui creati che sono sempre gli ultimi e i disadattati, i sensibili e gli incompresi. Una fondamentale svolta nella creatività dell’autore, è stata data dalla sua recente conversione alla religione evangelica e cristiana che, avvicinandolo fortemente alla fede, gli ha permesso un radicale cambiamento di sentimenti e tematiche delle proprie opere, facendolo aprire conseguentemente all’ottimismo e alla certezza della speranza. I testi sprizzano da tutti i pori gioia e positività che hanno sostituito quel buio e quella negatività che vi aleggiavano prima della conversione.


 in foto: CLAUDIO CISCO “ritratti d’autore”

Immagine 001uid_11e1d290dbb_580_0uid_11e1d29458a_580_0uid_11e1c3d4bc9_580_0


VISITA IL SITO INTERNET DI CLAUDIO CISCO,  CLICCA SUL LINK CHE VEDI QUI SOTTO PER APRIRE LA PAGINA WEB:

https://sito.libero.it/claudiocisco/

 

POESIE — IMMAGINI (Claudio Cisco)

la-madonnina-del-porto

bella_messina

Port of Messina with the gold Madonna della Lettera statue. Sicily. Italy

Port of Messina with the gold Madonna della Lettera statue. Sicily. Italy

BELLA  MESSINA

Come chiave d’oro che apre al paradiso,

Messina spalanca la porta alla Sicilia perla incantevole.

Bella Messina,

che si lascia corteggiare da due mari,

contemplata dall’alto dalle sue montagne,

sempre spettinata dal vento,

bagnata dal mare ed asciugata dal sole,

Messina presa per mano dalla Madonna.

Bella Messina

quando dondola dolcemente le navi del suo porto,

quando incoraggia e protegge il sudato lavoro dei suoi pescatori,

quando saluta piangendo ma aspetta con ansia

il ritorno d’un suo figliuolo che s’allontana senza lavoro,

quando, nelle sue ville, accompagna il lento andare d’un vecchio,

guarda commossa gl’innamorati delle sue panchine,

gioca trasformata in bambina con i suoi piccoli.

Bella Messina

quando si tinge di giallorosso dietro la sua squadra,

quando si pavoneggia per accogliere i forestieri,

quando, tutta parata, si trucca con i colori della vara

ed il mito dei Giganti,

divertente e scapestrata come il suo dialetto.

Messina lunga donna dagli esili fianchi

con gli occhi blu come il suo mare

ed i capelli d’oro come il sole delle sue spiagge,

baciata sulla superficie del mare da mille gabbiani,

che col suo stretto maliziosamente s’avvicina

senza lasciarsi toccare,

Messina che all’alba apre gli occhi sul mare

e di notte s’addormenta sotto un lenzuolo di mille luci.

Messina solare dalle ali libere verso l’orizzonte

con gli occhi luminosi mai annebbiati,

sposa d’un clima ch’è armonia in ogni stagione,

Messina che con frutti e fiori profuma di primavera.

Bella Messina

defunta ma risorta dopo il 1908,

Messina che vuole andare avanti,

che non vuol morire più,

vestita ormai di abiti sempre più moderni.

Bella la mia Messina

è la mia terra, la mia città,

qui sto bene, sono felice.

Ogni sua strada, ogni sua via

è casa mia, il mio giardino.

In lei sono nato

ed in lei voglio morire.

download

download (2)imagesimagesdownload (1)

Provincia_di_Messina-Stemmasafe_image



 

IL TUO ANGELO BAMBINO

In segreto,

un amore
ti dorme accanto,
muto ed invisibile,
ha soltanto occhi per guardarti
e mani che non possono stringerti.

Della sua malinconia
non ti accorgi,
quando lo guardi
e non lo vedi,
quando lo accarezzi
e non lo senti.
Come un fantasmino
si aggira per la stanza,
urla a volte
per destarti dal sonno
ma invano
e poi di nuovo tace
vinto dalla tua indifferenza
più solo e più piccolo di prima.

download (1)

 

 

 

PROSTITUTA SCONOSCIUTA

prostituta_sconosciuta

Ti vedo tutte le sere al solito posto

sopra gli sterili binari d’un tram.

Se hai freddo strofini le mani per scaldarti,

se non passano macchine continui a guardarti intorno.

Gli stivali neri di cuoio sempre gli stessi,

la borsetta a volte rossa altre nere,

il solito trucco vistoso:

questa sera però mi sembri più bella!

sexy più che mai.

Chissà se sei sola nella vita

o se qualcuno ti ama!

Chissa perchè lo fai!

Forse avrai un romanzo dentro da raccontare,

testimonianza di un’esistenza non bella

come avrebbe dovuto essere.

Vorrei poterti aiutare,

amarti,

stare un pò con te!

Oggi per la prima volta

ti vedo con occhi diversi,

non mi interessa affatto il sesso.

Non ho mai avuto il coraggio di avvicinarmi a te,

mi blocco ogni volta che provo,

mi sembri quasi irraggiungibile

ma poi per dirti cosa?

In fondo ho paura di fare tutto.

Ti scongiuro, fuggi con me prostituta sconosciuta!

Ricominciamo insieme una nuova vita,

non consumarti più cosi!

ti stai buttando via da sola!

Non riesco nemmeno a terminare questi pensieri

che la vedo salire già su una macchina sportiva.

Addio mia sconosciuta prostituta!

sicuramente domani verrò ancora a vederti

e a tenerti compagnia in segreto e a distanza

forse mi sono innamorato di te

o forse abbiamo qualcosa in comune che ci unisce:

siamo entrambi soli,

che il Signore ci aiuti!

 

 

 

IO L’HO VISTA

io_la_ho_vista

Io l’ho vista

quand’ero ancora adolescente

e mi sentivo solo,

in quel freddo pomeriggio d’inverno

nel silenzio

in quella grotta buia coperta da fronde.

L’ho vista

nella sua nudità d’angelo

librarsi in volo con le sue ali dorate,

mi ha parlato

con la sua voce dolce e suadente.

L’ho vista, lo giuro!

anche se nessuno mi vuol credere,

mi ha detto di non svelare il suo segreto

che da allora è anche il mio.

Nella notte delle stelle cadenti

sono tornato nel punto dove mi è apparsa

ma non ho veduto più nulla

silenzio assoluto anche del vento,

ma una luce brillante si è accesa

subito dopo che sono andato via.

 

 

 

IL MARE E LA BAMBINA

il_mare_e_la_bambina (1)

L’inesorabile sbattere delle onde

graffia gli scogli

li scolpisce, li modella.

La bambina,

con la vestina gialla e il fiocco stretto in vita,

ha negli occhi l’immagine del sole

per l’ultima volta visto.

Guarda il mare,

vi proietta quell’immensa luce.

E’ solo un attimo

e l’acqua la travolge.

E dopo è solo luce

luce che rischiara e scalda il mare

e la bambina è solo acqua.

 

 

EROS E MORTE

erosmorte

Eros e morte

camminano insieme,

l’uno a fianco dell’altro,

dall’origine dell’universo

sino all’eternità.

Non può esistere il sesso

senza l’incombente presenza della morte,

e non si può morire per sempre

se non si sparge prima su questa terra il seme dell’amore.

Ogni essere umano comincia a morire

da quando un orgasmo lo genera,

e conserva nella memoria d’una lapide

parte di quell’amore che non separa la vita dalla morte.

Non c’è maga Circe capace di convincere Ulisse

col dono dell’immortalità,

e non esiste spada di Damocle sul punto di crollare

che spaventi l’uomo

perchè quest’ultimo,

ostinato e vanitoso,

innamorato di quel breve soffio che è la vita,

è pronto a sfidare persino gli dei

pur di amare e morire,

respirando fino all’ultimo alito di vita,

sfruttando anche l’ultima goccia di sangue che arrivi al cuore.

Dinanzi a tanta meravigliosa presunzione di vitalità

anche l’Onnipotente resterebbe senza parole.

 

 

ESSENZA LARVALE

essenza_larvale

Su strada nera conduco i miei passi,

nascosto oltre un nulla d’infinito,

una volta oscura sovrastante incombe.

Ascolto le cadenti lacrime della natura,

scendono sul mondo e me

cencioso essere mortale.

Enigma è la mia inesistente provvidenza,

nichilismo dei buoni sentimenti

icone perdute di essi.

Come dalla psiche profonda

omissioni di verità approdano

caricandomi di brama di comprensibilità.

Fuori da mura di pelle

le febbri son più grandi

dei geli del cuore.

Respiro zolfi del mondo

dove il calore diviene sempre più tenuo,

solo fredde spinte sussistono in me.

Nessun vigore ausilia la triste marcia,

tranne un’anomia fredda come il cuore

d’essenza larvale che sono.

E soltanto ora la mia anima maledetta

comprende il senso insensato

di un’esistenza di vela senza vento,

di airone senza ali,

di carne senz’anima.

 

 

L’ALBA DELL’UOMO

alba_uomo2alba_uomo_1

Da un chiarore lontano

spunta l’alba

repentinamente

e colora di luce il nuovo mondo.

Intorno,

piante stecchite

animali selvatici

grotte e caverne buie.

Si svegliano anche gruppi di scimmie

sono nude come vermi della terra,

schiamazzano

litigano

si riuniscono.

Qualcosa sembra dire loro:

“uniamoci

e combattiamo insieme”.

Una battaglia che durerà nei secoli

sino alla fine dell’universo

se fine ci sarà.


 in foto: CLAUDIO CISCO “immagini varie”

 

uid_118694569be_580_0uid_117f3f92e11_580_0

g

30724131_10214207543214978_8032122516906274876_nuid_121fcbdcefb.580.0Immagine-012mmmmm-294x30030725952_10214211440192400_3990228710141242500_n30728185_119217948934567_6787133395332759552_nuid_11a4d003432.580.024129696_10213081394381961_4942205694615190733_nFOTO CLAUDIO31784a639705dd7324b897f15fc3c070-300x16924174238_10213081424902724_4998439441338251709_n24131496_10213081429742845_4634007833343250275_n24129588_10213081415462488_5471115667868044971_n24068203_10213081404862223_5166501108706420464_n24068009_10213081403742195_2847803310546746224_n24067906_10213081413182431_5670362691902476462_n24067788_10213081423542690_441890560686017608_n24059096_10213081411022377_1671763867938706671_n24058993_10213081429142830_196134500346849202_n (1)24058951_10213081419542590_2814921591498126345_n24058942_10213081397142030_1009040120536814906_n23915868_10213081421222632_4082796946528350224_n23915699_10213081425822747_6588758609738273571_n23915637_10213081426742770_1971033408557596224_n23905521_10213081395341985_2528443888281579084_n23905466_10213081409182331_4457019637418429007_n23905284_10213081398382061_528545462462346392_n23905210_10213081405902249_6938317293478008550_nuid_119dc8978a9_580_0uid_123a2b65bc5_580_0uid_122c0812ba7_580_0Immagine 022uid_1230a28458d_580_060fa6440224f3b50f93eba7282a1ada030704279_10156209340434089_676865569197245221_n30740545_10157235518079018_5157634794779049984_n-300x22965837_10151616915074018_957231407_nfoto 220161017125333754-1020161017125333754-420161017125333754-3grfsdytesre20161017125333754-720161017125333754-520161017125333754-1jjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjImmagine 001ddfdf30725952_10214211440192400_3990228710141242500_nuid_11af9a5a3ef_580_010547594_10203026838965687_4944733308813437392_n (1)

uid_1186945d497_580_0uid_1221e14569d_580_0uid_1200519ca04_580_030724131_10214207543214978_8032122516906274876_nuid_11942863de6_580_0uid_121fcb6f0f8_580_0img749uid_121f9a9b420_580_0uid_121f9964296_580_0uid_121f9878bcd_580_0uid_11869452674_580_0uid_122378b5498_580_0uid_11869459458_580_0uid_11e1d29f267_580_0uid_11e1d29b990_580_0uid_11e1d2d2096_580_0uid_1221e12f358_580_0uid_121fcc4217d.580.0uid_11869450705.580.0uid_11d685171e2.580.0uid_1186945b261_580_0uid_11e1d2d9f5b_580_0uid_1186945fa23_580_010530934_10153025571829018_3301699197332521403_nuid_11869461f85_580_0uid_121f98c7356_580_0uid_11e1d290dbb_580_0uid_11e1d2d65bf_580_0uid_11e1c439068_580_0Foto 1img53030708783_111689169688524_9145488706226880512_ne8e24968228f65b74beca96dc1884bb0downloaduid_119f08e4f44.580.0uid_119f08faaa3.580.0uid_119f090bafe.580.0uid_119f08b69e7.580.0uid_119f0b28a49.580.0uid_119f0b40c1a.580.0uid_11f3366affb.580.0uid_11e370a9466.580.0uid_11db5fa8d63.580.0uid_11db5f9525f.580.0uid_11d91ae4069.580.0uid_11d89b661d5.580.0uid_11d89b587fa.580.0uid_11d89b4b68d.580.0uid_11d8b21d792.580.0uid_11d8a5f651f.580.0uid_11af9a5a3ef.580.0uid_11a4d003432.580.0 (1)uid_123a40c0345.580.0p2jgddfimg558img171uid_119f0879453.580.0img536img210img393Immagine 022img202uid_12237aaf90b_580_0uid_121f98ea844_580_0uid_12237975a47_580_0uid_1221e2b8fa1_580_0uid_1186945d497_580_0uid_1223789e9a0_580_0uid_11d9bc58027_580_0uid_11ceb2c92b4_580_0263202_4787039246339_1301928392_nxcxzuid_1221e2f2f95_580_0uid_1221e3adbd2_580_0uid_121f99415b9_580_0uid_121f9992cb7_580_0uid_1221f7057dd_580_0uid_122c082f79d_580_04928_117750504017_1745127_n263202_4787039246339_1301928392_nuid_12237cfbbc6_580_0uid_11e1c3f5ca8_580_0uid_123885ca6ab.580.0406144_4713852496716_330134082_n1uid_120051f3889_580_0uid_11e1d29b990_580_0

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA RIPROPOSTI IN UN LINGUAGGIO MODERNO DA CLAUDIO CISCO

405997_4480262918450_724983853_n.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

—————————————————————————————————————————————————————————————————————————————-

“GIACOMO LEOPARDI”

RIPROPOSTO IN UN LINGUAGGIO MODERNO

DA CLAUDIO CISCO:

uid_11d685171e2.580.0

uid_11cb1a8a003.580.0

“L’INFINITO”

Ti ho sempre amato, colle

solitario come me.

Ti ho sempre amata, siepe

che mi fai aprire l’anima

verso l’orizzonte,

me lo nascondi

ma me lo fai amare

immaginando spazi infiniti.

Ho sempre amato questo posto,

il suo sovrumano silenzio,

la sua profondissima quiete,

e il tenue soffio del vento tra gli alberi,

e la dolcezza di queste piante che dormono.

E mentre sono seduto e guardo lontano

mi tornano in mente le stagioni fuggite,

l’ora presente,

l’eternità,

ed è dolcissimo

perdersi nell’immensità della natura.

 

 

 

“IL PASSERO SOLITARIO”

Ti vedo in cima a quella antica torre,

solo,

proprio come me!

Tu canti finchè non muore il giorno

mentre la primavera brilla nell’aria,

esulta per i campi

festeggiata da mille uccellini

che fan mille giri nel cielo.

Ma tu passero solitario non ti curi di loro,

resti indifferente a quella festa,

non la cerchi, non provi a volare

consumi così nella solitudine

la parte più bella della tua vita.

Quanto è simile il mio modo di vivere al tuo!

non c’è spensieratezza in me,

gioie e divertimenti io li evito,

mi sento estraneo e quasi fuggo da loro

e il dramma è che non so spiegare a me stesso

nemmeno il perchè.

Chiuso nella mia stanza

passo le mie giornate vuote e monotone

in silenzio, in solitudine.

Eppure questo giorno che ormai volge alla sera

è festeggiato da tutti in questo paese,

si odono nell’aria suoni di festa vicini e lontani,

i giovani sono allegri

indossano i loro abiti migliori

si divertono

ed è persino bello guardarli.

Ma io,

in quest’angolo del paese vicino alla campagna,

io resto da solo come sempre,

ogni divertimento

lo rinvio in altri tempi

non so a quando!

guardo il sole che si dilegua dietro i monti

e sembra ricordarmi

che anche la mia giovinezza sta morendo.

Tu, passero solitario

alla fine dei tuoi giorni

non potrai pentirti d’aver vissuto così,

è la tua natura che ha deciso questo.

Ma io,

se non riuscirò a evitare la detestata vecchiaia

e tutto sarà noia più di adesso,

cosa penserò della mia giovinezza sprecata

e non goduta?

Forse piangerò,

guarderò indietro

ma sarà ormai troppo tardi.

 

 

 

“IL SABATO DEL VILLAGGIO”

La ragazzina spunta dalla campagna

al tramontar del sole

con la dolcezza, con la malizia

d’una età che non dà pensieri.

Ha un fascio d’erba in mano,

un mazzo di rose e di viole,

domani è festa, deve farsi bella.

La vecchietta con le sue amiche,

seduta sull’uscio di casa,

è intenta a filare

e con una lacrima agli occhi

ripensa a quando anch’ella era ragazza

e spensierata e felice

era circondata da tanta compagne.

L’aria si fa bruna,

le ombre scendono dai colli e dai tetti,

una luna bianchissima splende nel cielo.

Una tromba suona annunciando la festa,

i bambini giocano felici nella piazzetta,

il contadino torna a casa fischiettando.

Poi, quando le luci si spengono

e tutto tace,

si ode soltanto il rumore d’un martello

e di una sega,

è il falegname che ha fretta di terminare il suo lavoro

prima dell’alba.

Questo è il più bel giorno della settimana

pieno di gioia, di speranza

domani tutto ritornerà normale, triste, monotono

e ciascuno riprenderà il suo lavoro col pensiero.

Ragazzo mio,

la tua splendida ma fuggitiva età

è proprio come questo giorno

chiara, serena

che prepara la festa della tua vita.

Ragazzo mio divertiti!

non mi sento di dirti altro!

Ma ti prego non rammaricarti

se la tua festa tarda a venire.

 

 

“AMORE E MORTE”

Amore e morte,

fratelli,

furono creati insieme

e insieme vanno uniti per il mondo,

l’uno elargendo il piacere

l’altra annullando il dolore.

Quando l’amore nasce nel petto

lo accompagna sempre un languido desiderio di morte.

Non so perchè…

forse l’uomo,

presentendo i mali futuri che ne deriveranno,

brama di giungere al porto della sua vita

e di annullarsi.

Financo nel furore della passione,

quante volte gli amanti ti invocano o morte!

E che sentimento di invidia

al rintocco della campana funebre

per chi se n’è già andato!

Perfino il contadino e la timida fanciulla

non temono più,

comprendono l’ineffabile dolcezza della morte.

Talvolta l’amore

mina un fisico già prostrato,

talvolta invece

induce al suicidio giovani e fanciulle.

E tu morte

da me tanto invocata e celebrata

fin dai miei primi anni,

chiudi pietosamente gli occhi miei.

Ho sempre disprezzato le consolazioni della religione.

Non ho mai lodato e benedetto i patimenti.

Ho rifiutato i fanciulleschi conforti degli uomini.

Te sola ho sempre invocato!

Aspetto serenamente

di addormentarmi sul tuo seno.

576px-Leopardi,_Giacomo_(1798-1837)_-_ritr._A_Ferrazzi,_Recanati,_casa_Leopardi

————————————————————————————————————–

 

MEMENTO

(Dalla lirica omonima di I.U. Tarchetti)

uid_11c9566876e.580.0

Quando bacio le tue labbra profumate,

cara e dolce fanciulla,

non posso dimenticare

che un bianco teschio vi è nascosto sotto.

Quando stringo a me il tuo corpo sensuale,

cara e dolce fanciulla,

non posso proprio dimenticare

che uno scheletro nascosto vi è celato all’interno.

Quando faccio l’amore con te, cara e dolce fanciulla,

mi è impossibile dimenticare che sotto la tua pelle

vi è un ammasso di sangue, vene e organi schifosi.

E assorto in questa orrenda visione,

dovunque ti tocchi, ti baci o posi le mie mani

sento sporgere le ossa fredde d’un morto.

 

——————————————————————————————————————–

IL CANTICO DI FRATE SOLE

uid_11c956dcff1.580.0

(Dall’opera omonima di S. Francesco d’Assisi)

Benedetto tu sia, mio Signore!

con tutte le tue creature

specialmente per fratello sole

che fa diventare giorno

e illumina ogni cosa intorno

ovunque ci sia vita

con grande splendore,

ed è bello, radiante.

Benedetto tu sia, mio Signore!

per sorella luna

che bianchissima non dorme mai

per vegliare la notte,

e per le sorelle stelle

che hai creato in cielo

chiare, preziose e belle.

Benedetto tu sia, mio Signore!

per la sorella acqua

che è molto utile

è preziosa, è casta.

Benedetto tu sia, mio Signore!

per fratello fuoco

che rischiara la notte

e trasmette il suo calore,

ed è forte, è vivo.

E per fratello vento

che muove l’aria, le nuvole

rigenerando con la pioggia tutte le creature.

Benedetto tu sia, mio Signore!

per la nostra madre terra

che ci sostenta stringendoci al suo seno

e ci offre frutti, fiori colorati, erbe.

Benedetto tu sia, mio Signore!

per i miei fratelli che sanno perdonare

aiutali nelle loro tribolazioni terrene,

hanno bisogno della tua presenza

nella loro vita.

Beati quei fratelli che difenderanno la pace!

saranno da te premiati.

Benedetto tu sia, mio Signore!

per la nostra morte fisica

dalla quale nessuno di noi può scappare

e guai a coloro che morranno nel peccato,

beati invece quelli che su questa terra

avranno fatto la tua volontà.

Laudate e benedite tutti il mio Signore!

e ringraziatelo

e servitelo con grande umiltà.

 

OSSESSIONE PER UNA NINFETTA

 

(liberamente ispirata al libro LOLITA di V. Nabokov)

 

 

Spiccava col suo giovane corpo e l’aria da bambina

 

tra la gente ignara,

 

quel piccolo micidiale demonietto,

 

inconsapevole anche lei del proprio fantastico potere.

 

Mi guardò col suo visino indecifrabile di ragazzina tredicenne

 

come se mi avesse letto il desiderio negli occhi

 

fino ad intuirne la profondità,

 

e nel preciso momento in cui i nostri occhi s’incrociarono,

 

tra di noi si stabilì subito un’intesa

 

capace di annullare in quell’attimo qualunque barriera

 

ed io non avrei potuto abbassare gli occhi

 

neanche se fosse stata in gioco la mia vita.

 

La sfiorai ma senza osare toccarla,

 

respirai intensamente quella sua delicata fragranza

 

che sapeva di borotalco,

 

e da quel punto così vicino eppure disperatamente lontano,

 

ebbi per la prima volta la consapevolezza,

 

chiara come quella di dover morire,

 

di amarla più di qualsiasi cosa avessi mai visto

 

o potuto immaginare,

 

e di voler essere il primo ad assaporare quel piacere proibito

 

che soltanto la mia giovanissima dea dell’amore

 

avrebbe saputo offrirmi

 

in un paradiso illuminato dai bagliori dell’inferno.

 

Un uomo normale,

 

forse per vergogna o sensi di colpa,

 

scaccerebbe via dalla propria mente simili pensieri.

 

Bisogna essere artisti,

 

eterni bambini sempre in volo senza logica né equilibrio,

 

folli di malinconia e di disperazione,

 

di solitudine e di tenerezza

 

per lasciarsi totalmente trasportare e tormentare

 

dalla magica ossessione per quella ninfetta.

 

 

 

ASSENZA

 

(liberamente ispirata al libro LOLITA di V. Nabokov)

 

 

 

Bastava un tuo sorriso

 

per mostrarti bella dentro e fuori

 

come un inno alla grazia,

 

malgrado le tue smorfie ed i tuoi capricci,

 

desiderabile, né donna e né bambina, favolosa e splendida

 

con la tua travolgente sensualità acerba

 

mista di malizia e d’innocenza.

 

Eri un cucciolo indifeso tra le mie braccia,

 

non riuscivi a tirare fuori la donna che stava nascendo in te.

 

Di quella mia incantevole lolita

 

che mi aveva stregato persino l’anima

 

fino a possedermi del tutto,

 

e del suo sconvolgente modo di essere,

 

non mi rimane ora che l’eco di un coro di fanciullesche voci

 

udite in lontananza e perdute per sempre

 

come foglie morte sparse lungo il sentiero

 

in una stordita calma irreale.

 

È la mia fine come uomo,

 

l’apice della mia ispirazione come artista.

 

La mia vita è ormai alla deriva nelle tue mani di bambina,

 

legata a te da un cordone ombelicale

 

obbedisce al tuo volere senza più orgoglio, senza dignità.

 

Mi tormenta l’immagine dei tuoi coetanei

 

che posano i loro sguardi carichi di desiderio

 

sul tuo giovane corpo.

 

È folle il pensiero che la tua verginale bellezza

 

appartenga esclusivamente ad un uomo della mia età

 

ma più ti sento irraggiungibile

 

e più cresce in me il desiderio di averti.

 

Come un vecchio mendicante ormai solo ed esausto,

 

chiedo ancora ad una ragazzina che non ha colpa,

 

l’elemosina d’un amore che mai potrà darmi.

 

Un amore impossibile, assurdo, folle

 

incomprensibile, a senso unico, non corrisposto

 

ma pur sempre un amore!

 

Forse sono posseduto dal diavolo

 

o forse ho solo qualche rotella fuori posto

 

è tutto così assurdo e illogico

 

ma io credo di amarla.

 

 

ALLA DERIVA

foto per la poesia ALLA DERIVA

E’ grigio il clima del perenne essere.

Tutto è caduto:

le speranze perdute, le preghiere vane

le parole inutili, l’amore illuso

le primavere sfiorite, gli ideali mortali.

Ma non v’è più dramma in me

in questo continuo appassire e morire

ma completo abbandono.

Accetto di andare alla deriva

lasciandomi cullare dalla marea del tempo

in cui tutto si dissolve

fino a compiacermi del mio dolore.

E’ dolce sentirsi vittima, indifeso, inascoltato.

Capire che persino la vanità della vita

diventa pura armonia.

 

 

IL MISTERO

il_mistero

Rapito dal tuo vortice

sto scrutando il tuo cielo infinito,

volteggiando nel tuo vento impetuoso,

naufragando nel tuo mare in tempesta,

sprofondando nei tortuosi meandri della mia mente

ma sto solo impazzendo

perdendomi in un labirinto enorme.

Scopro l’ignoranza della scienza.

Smarrisco la mia fede.

Rimango spaventosamente affascinato.

Sulla riva un bimbo col suo secchiello

vuol prendere un pò alla volta tutto il mare.

 

 

 

LA BESTIA RARA

la_bestia_rara

Sguardi sconosciuti,

persone che mi scrutano,

che ridono guardando

verso di me o nel vuoto.

Non so…

in qualunque caso

sono persone come altre

che seguono la massa.

Alcune mi fissano

come se fossi una bestia rara,

a volte mi fanno paura

sembra che mi disprezzino,

che vogliano farmi del male.

Forse solo perchè mi distinguo dal gregge

e sono per inclinazione

fuori dal coro.

Ma io non sono nato per far fare numero

o per consumare ossigeno prezioso,

ho un’anima con me anch’io,

preziosa e brillante più di un tesoro,

io e Dio soltanto

sappiamo bene il valore che ha.

 

 

 

A L B A

ALBA

Alba!

tu stai sorgendo,

silenziosa brezza

nell’aria,

leggiadre ali

intorno.

Alba!

tu sta spargendo

il tuo colore

sul mare

addormentato.

La tua pace

mi sta cambiando.

La mia anima,

svegliandosi,

si sta aprendo all’amore,

verso l’infinito.

Io sento

che sto per nascere,

sì lo sento

io sto nascendo.

69689_4480266878549_414630211_n.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 in foto: CLAUDIO CISCO “ritratti d’autore”

uid_1186945fa23_580_0 uid_11e1d2d9f5b_580_0uid_1186945b261_580_0uid_11869461f85_580_0uid_1186945fa23_580_0

ALCUNE POESIE DI CLAUDIO CISCO-TESTIMONIANZA DI FEDE

uid_1223eb62ff9.580.0

uid_11e1c439068_580_0.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA MIA ANIMA È NUDA

La mia anima è nuda

anarchico il mio istinto

folle la mia mente

immorale la mia libertà.

La mia anima è nuda

ama i bambini

sta al fianco di barboni, disadattati, emarginati

adora gli ultimi della classe sociale.

La mia anima è nuda

non sa vivere in società

non scende a compromessi e non concepisce le regole

non lavora e non produce.

La mia anima è nuda

è troppo grande per essere prigioniera in un corpo di carne

non può esser limitata dal tempo

è uno spirito libero che anela alla libertà assoluta.

La mia anima è nuda

posta al centro d’una corda tirata ai lati da lussuria e innocenza

come un verme striscia e bacia i piedi del demonio

poi di colpo s’alza in volo e abbraccia Dio

sempre in bilico tra inferno e paradiso.

La mia anima è nuda

soltanto nell’arte, di notte quando tutti dormono,

esce manifestando la sua diversità

se venisse scoperta verrebbe fatta fuori e forse anche uccisa,

bisogna lasciare dormire tranquillamente la gente,

guai a chi provasse a risvegliarli!

quando si sta troppo al buio, si ha paura della luce.

La mia anima è nuda

immortale e ribelle

aliena venuta da chissà quale mondo

destinata a perdersi e soffrire

nel crudele gioco della vita e della morte.

La mia anima è nuda

scevra da qualunque vanità

spogliata nella sua infinita miseria

non si lascia etichettare in nessun modo

non è né maschio né femmina, né schiava né regina.

La mia anima è nuda

conosce la sensibilità del male

è attratta dal fascino del proibito

è inquietante ma sincera.

La mia anima è nuda

è ancora bambina quando sogna

terribilmente vecchia quando insegue la logica

morta e sepolta quando si lascia sedurre da religioni e ricchezze.

La mia anima è nuda

condannata dalla sua stessa sensibilità

ad un isolamento senza uscita,

non chiede più comprensione ormai

sa di averla data ma di non poterla ricevere.

La mia anima è nuda

dannata

salvata

ma dannata ancora.

Anime perverse, entrate in sintonia con me!

sono qui, se volete potete trovarmi

non ho maschere e non mi nascondo:

la mia anima è nuda.

 

 

LA MIA MENTE

Silenzi e vuoti intorno a me

quiete assoluta nella mia stanza

sguardo assente, occhi chiusi

la mia mente mi porta lontano fuori da qui

mi trascina via con sé e nessuno se ne accorge,

prende il largo sulle acque

attraversa un fiume tranquillo

che cancella i ricordi

e li fa scivolare via.

La mia mente

è volo di idee

ragnatele di ragionamenti

archivio di esperienze rimosse

cassetti colmi di dubbi incessanti.

La mia mente

è follia pura

immaturità e saggezza insieme

è un gigantesco pallone

che vaga rimbalzando continuamente

da un soffice sogno all’altro.

La mia mente

è finto silenzio

fantasie strane

vertigini e vortici di pensieri

spinta per vivere.

Crea una tempesta

non dorme la notte

incubi che si accavallano

sogni che nascono e rimangono sospesi

paure e solitudini senza fine.

La mia mente

è invasa di ricordi che si susseguono

notizie divorate

date, sentenze, nomi, schede ormai ingiallite

profumi di opere buone

domande senza risposte

amori cancellati e poi riscritti

sì che diventano no.

La mia mente

è un insieme di cose da dimenticare

una cantina di occasioni perdute

di progetti mai portati a termine

di ricordi nostalgici.

La mia mente

silenziosa corre, vola, sfugge,

anela, brama di sapere.

Va via col vento, più su delle nuvole

sopra gli oceani

sorvola spazi infiniti

raggiunge nuovi orizzonti.

La mia mente

mi convince

ha sempre la meglio

detta le sue leggi

ed io non posso sfuggirle,

la seguirò perché lei vuole così.

La mia mente

mi fa impazzire

mi fa venir voglia di scoppiare

mi lascia i segni di chi ha vissuto un’eternità.

Uccidimi il cuore!

la mia mente mi resterà ancora intatta.

Legami con una catena fortissima!

lei mi slegherà,

forse neanche la morte fisica

potrà riuscire a fermarla.

Ti prego mente mia

portami con te lontanissimo

nei grandi campi di neve dove il sole non c’è

nei deserti sabbiosi senza confini

nelle praterie immense

nei mari in tempesta

nelle cime vertiginosamente alte

nelle strade vuote senza fine

che portano al nirvana e all’estasi.

Portami o mente mia

attraverso paesaggi sfocati e laghi annebbiati,

le mie vene saranno fiumi tra le rocce

le mie mani pallidi monti nella notte

il mio sangue torrente rosso più del fuoco.

Solo con te sulla scia delle ninfe

tra cascate argentate, ghiacciai sterminati

i miei pensieri frustati dal vento

scatenati e prendi, prendi tutto di me!

 

 

VORREI

Vorrei vagare nell’universo

e cercarti ovunque,

nelle intrecciate tele di un ragno

nel fruscio delle foglie morte

nel dondolare dei rami stecchiti

nel profumo d’un incensiere

sfogliando la Bibbia

dinanzi al portone d’un antico monastero.

Vorrei essere portato via da te nella tua carrozza

lontano dalla prigione d’un grattacielo

lungo le strade dell’inverno

ed osservare riflessa nel lago argentato

la mia immagine vecchia e deforme

trasformarsi nella tua pelle giovane e bianca

e contare poi una per una

le perle della tua corona.

Vorrei capire chi sono

mostrandoti fotografie sbiadite e diari segreti,

mostrandoti la scia luminosa dei ricordi

di quello che ero ieri,

l’anima immortale che vive nei miei versi adesso,

la statua, la lapide e la polvere

di ciò che rimarrà dei miei sogni domani.

Vento impetuoso della fuggevole immaginazione mia

tu spalanchi con forza la porta di questa mia tacita realtà

e nelle annebbiate stanze del tuo nido

io mi sto sempre più addentrando.

Ed ora sento di poterti raggiungere.

Vorrei avvicinarmi ma non so chi sei

vorrei chiamarti ma non so il tuo nome

vorrei seguirti ma tu ti stai sciogliendo lentamente

in aria,

scompari quando credo d’afferrarti.

Eppure io ti inseguo da sempre

nei labirinti della mia mente,

cercandoti affannosamente

in ogni piccolo spazio

della mia camera vuota e solitaria.

E nelle lacrime della solitudine mia

che percorron lente il mio viso pulito,

vedo i miei sogni evanescenti

morire uno dopo l’altro

ed un bimbo,

quel bimbo che vive in ognuno di noi,

li porta con sé invecchiati

fino ad estinguersi

nel riposante approdo d’un obitorio.

 

NICO

Nico!

Ti ricordo ancora

avevi dodici anni, la mia stessa età

solo qualche giorno in meno.

Nico!

Sei nella memoria coi tuoi occhi scuri

una bocca grande ma con pochi denti

ti facevo il verso

non te la prendevi.

Nico!

Eri sempre con le brache corte

e le gambe viola

per il grande freddo.

Nico!

Ma com’eri buffo

con quel cappellino con il paraorecchie

una grossa sciarpa fatta da tua mamma

come ci tenevi.

Nico!

Il compito in classe

lo copiavi sempre da me

eri furbo

non so come facevi.

Nico!

Insieme sulle piante

a buttar giù palle di neve

alle barbagianne, le ragazzine con gli occhiali

quelle proprio racchie.

Nico!

Non ti ricordi le mele

rubate insieme e mangiate di nascosto

in quel mercato rionale?

E le domeniche d’agosto?

correvamo per le strade deserte

c’eravamo solo noi

chissà cosa volevamo dalla nostra vita!

Nico!

Eri il mio migliore amico

un giorno mi dicesti:

“Se fossi nato femmina ti amerei”.

Quel giorno al doposcuola

ci presero un po’in giro

avevano scoperto

i nostri giochi strani.

Non mi vergognavo di volerti bene, di prenderti per mano,

di regalarti il mio affetto

quello che riuscivo a darti,

quello che potevo darti.

Nico!

Ma tu adesso cosa fai?

chissà se ti sei sposato, se hai dei figli

se pensi ancora a noi.

Com’era bello uscire da scuola!

e col sole o con la neve

tornare a casa

insieme.

Nico!

 

 

MADAME CLELIA

Un’emozione forte

si fa strada nei miei pensieri,

lenta scende come un’ombra

nella mia realtà ormai stanca

e tra la fantasia e l’età

mi trascina via con sé

in un tempo ormai lontano.

Mi rivedo di colpo lì

a spiarti dietro la finestra

di quella tua tenebrosa casa antica.

Sui miei undici anni appena compiuti

cadeva già il primo velo di follia,

e che sussulti, che tremiti segreti

in quelle mie inquiete notti di fanciullo

quando impaurito e rannicchiato

mi nascondevo sotto le coperte,

la mia prima masturbazione

la conobbi proprio allora e fu per te.

Madame Clelia!

Eri grande, troppo grande

forse vecchia per i miei occhi e per il mio corpo.

Avevi perso il marito

ti avevano abbandonato i figli

io come un giocattolo, un barboncino

ero tutto quello che ti rimaneva

nella tua vita mai vissuta

sempre attesa, mai avverata.

Ancor adesso

a distanza di tanti anni

non so cosa volessi tu da me

né cosa avrei potuto darti io.

Ma ti giuro Madame Clelia,

tu sei stata per me una regina

ti vedevo danzare nei miei sogni di bambino,

mi chiedo come mai così bella dentro

nessuno, all’infuori di me,

ti aveva vista mai.

 

 

PAESE NATÌO DI MIA MADRE

Al tuo paese torni

con me

ogni tanto,

ma sei triste

pensierosa

non parli.

La tua fontana rivedi

i vicoli

la piazza

che a miglior tempo

ti furono amici.

Anche la tua casa

giace silente e vuota

negletti i fiori

accanto ai muri.

Guardi fissa la chiesa

e odi la voce

di chi la preghiera

t’insegnò a ripetere.

Vedi tutti i ricordi

segnati da croci

cerchi ma non trovi

la speme d’un dì.

IN SIMBIOSI CON L’UNIVERSO

È solo mio questo improvviso aprirmi

e rivedere in un attimo tutta la mia vita come in un film registrato

e poi simultaneamente

allargare le braccia all’universo che mi circonda

e respirare a pieni polmoni

come volessi trasportarlo in me

per sentirmi parte di esso.

E poi ancora rivedere con gli occhi della memoria

lontanissimo come da un cannocchiale rovesciato

me stesso bambino giocare in un cortile

e paragonarlo alla luna

distante anch’essa mille anni luce da me.

E continuare a rivivere nei ricordi

la spensieratezza della giovinezza

e nello stesso istante

dirigere lo sguardo verso l’azzurro del cielo

ammirare spazi infiniti

nuvole bianchissime come zucchero filato, mongolfiere in volo

Ridiscendere poi negli anfratti della mia memoria

e riscoprire la ragazza che ho baciato e amato

per la prima volta,

e confrontare la luce limpida dei suoi occhi

con quella delle stelle

o semplicemente della stella cometa.

Ricordare infine i dolci versi

scritti in tenerissima età

nella mia prima poesia,

immaginando di trovarmi

tra fiorellini di campo di vario colore,

solleticati dolcemente da un leggero venticello,

mentre uccellini nel nido assieme alla loro madre

e tanti piccoli animaletti festanti

tutti insieme

cantano la loro canzone alla primavera.

Capisco proprio in questi dolci momenti

di non essere solo

malgrado il tempo che passa

malgrado non abbia una compagna.

Intorno a me

vedo tutto un mondo magico

che pullula d’amore.

C’è tanta musica nell’aria che respiro

ed ora finalmente anch’io posso sentirla

e lasciarla entrare nel mio cuore.

Sono in simbiosi con l’universo.

 

 

SOLITUDINE UNIVERSALE

Uno spaventoso silenzio

avvolge tutto l’universo,

gli uomini come marionette di pezza

si susseguono nel tempo gli uni agli altri

e non nascono che per morire definitivamente.

Quanta gente nel corso dei secoli

mi ha soltanto preceduto!

uomini in carne e ossa proprio come me

col mio stesso sangue

con le mie stesse paure, le mie stesse speranze.

Hanno vissuto in tempi diversi

e per età differenti

ma di loro non è rimasto più nulla!

Dov’è l’uomo delle caverne?

e gli antichi Egiziani con le loro piramidi?

e i gloriosi Romani? e i pensatori Greci?

imperatori e papi, uomini comuni ed eroi

tutti scomparsi

nell’inesorabile scorrere del tempo.

Vorrei uccidermi subito

al solo pensiero che anch’io farò la stessa fine,

è strano come gli uomini

continuino a vivere con impegno

pur sapendo che dovranno morire,

anche se vivessero per cento anni

sarebbe sempre un soffio di fiato

rispetto all’eternità.

Ma poi mi consolo tra me

pensando che la solitudine non è solo mia

ma è presente in ogni angolo dello sconfinato universo

e non esiste gioia più grande

del sentirsi parte di questa immensità

pur consapevole della propria piccolezza

e piangere l’intima fragilità

in un pianto accorato e senza speranza.

Così mi nasce dentro un’emozione fortissima

che, anche se nata dalla disperazione

è pur sempre un’emozione

e subito dopo rido, rido e ancora rido.

Ormai più nulla ha valore per me.

Scopro la dolce ebbrezza del non senso,

non m’importa della seduzione della fede

né del ragionamento della scienza.

Sono totalmente felice

e la mia gioia scaturisce dalla mia solitudine

che ora riesco a proiettare nel cosmo

e la solitudine dell’universo

è la mia stessa solitudine

e mi dà conforto

mi rende grande.

 

TRISTEZZA

Tristezza di cose perdute

di voci, di grida, d’amore

è struggente la pena che sento

come una lama mi trafigge il cuore.

Addio nidiata di bimbi!

è tanto quel che mi rimane di voi

siete riusciti a far sparire il dolore

per sempre compagno di vita.

Sorridevo felice all’innocenza

di nascosto, nel silenzio, tra le ombre

in segreto e in perfetta armonia

entravate uno dopo l’altro in me.

M’illudo di avervi vicino

vedo i vostri corpi e li tocco, li sento

immagino che siate con me

nel pensiero più dolce ch’esista.

Ripiomba di colpo ogni cosa

in grembo all’eterno destino

i vostri visi risplendono come dolci memorie

e poi muoiono con un tremulo brillio.

 

 

SENSAZIONI

È tutta avvolta nel mistero e nella meraviglia

questa vita mia,

con genuino e infantile stupore,

della natura osservo ogni manifestazione

fino ad esserne rapito.

Con sensibilissima attenzione nel silenzio ascolto

le voci, i suoni

anche i più tenui,

delle piccole cose intorno a me.

Affascinato e curioso

percepisco la suggestione, la religiosità, il mistero

nascosti in esse.

Ai miei occhi non appaiono

sempre traducibili e afferrabili

ma sciogliendosi in musica, in sospiro

mi riempiono ugualmente l’animo d’immenso.

uid_1221f6a4296_580_0.jpg

 

 

 

 

 

IL MIOCAMMINO SPIRITUALE

L’INCONTRO CON LA MADONNA:

TESTIMONIANZA DI FEDE

E’ bellissimo per me poter parlare della Madre celeste, scrivere con sincerità di pensiero quello che Lei rappresenta per me, il modo attraverso il quale trasmette gioia, dona pace, regala serenità; è sicuramente una testimonianza importante che può servire agli altri, anche a chi, per sola curiosità, si sta soffermando in questo momento nella lettura. Il mio cammino spirituale è stato molto tormentato e assai complesso, quasi impossibile da raccontare in poche righe perchè frutto di emozioni intime, uniche ed indimenticabili, invase dal male prima e consolate dal bene dopo, ma, nonostante tutto, vorrei provare ugualmente ad essere il più possibile coinciso e sintetico, concentrando in poco spazio ciò che meriterebbe un libro intero per la grandezza dei sentimenti da narrare. Premetto che mi trovavo distante mille anni luce da Dio e dalla sua volontà, sconoscevo l’importanza della sua parola con i suoi insegnamenti; praticamente lontano dai sacramenti, non seguivo affatto una vita cristiana, collocandomi in una posizione di disinteresse verso la chiesa che per me era come se non esistesse. Ma il Signore è grande e misericordioso, sempre pronto a porgere una mano, a elargire aiuto a chi, disperato cade, specialmente quando l’infinita bontà di Dio percepisce nel cuore triste e malato, una fiammella di speranza alimentata da un sincero proposito di cambiamento. E così la provvidenza mi ha messo sulla strada un’amica quasi coetanea, Giovanna, una donna evangelista che, dopo parecchio tempo a causa della mia esitazione, è riuscita a trascinarmi con lei, per la prima volta, in una chiesa protestante pentecostale, di quelle caratterizzate da preghiere forti, carismatiche, di intensa spiritualità. Lì dentro, i miei occhi hanno osservato cose mai viste: gente parlare in lingue sconosciute che alcuni interpretavano, preghiere di lode e di adorazione recitate con pianti di gioia ed invocazioni urlate, imposizioni di mani sul corpo specie sulla fronte, persone cadere per terra svenute e rimanere a lungo in quello stato di riposo spirituale ed ancora preghiere di liberazione, a volte veri e propri esorcismi che avvenivano durante i culti stessi anche in presenza di bambini che sembravano abituati a quell’ambiente. Era insomma una chiesa molto diversa da quelle cattoliche tradizionali, eppure io ricordo di non aver mai pensato, neanche per un solo istante, di essere finito in un manicomio pieno di pazzi, ma anzi, al contrario, cominciavo a percepire dentro e fuori di noi esseri umani, sia pure in forma latente, l’esistenza di un mondo parallelo che mi si apriva davanti alla mia conoscenza, una realtà spirituale importantissima e vitale che mi portava a comprendere che dietro la sofferenza oscura e il male più cattivo, si nascondono demoni di grande intelligenza e diabolica astuzia che difficilmente possiamo vincere senza l’aiuto del Padre: sono loro infatti la causa principale delle rovine dell’animo umano, e sono sempre essi capaci di operare indisturbati nel quotidiano, perché sottovalutati o peggio ancora non creduti dalla maggioranza degli uomini. Lo capivo chiaramente vedendo i tormenti spirituale e fisici di chi combatteva col maligno, spesso il vomito era sintomo di liberazione. Per me erano tutte situazioni sconosciute e mai prese in considerazione prima di allora ma dentro il mio spirito sentivo di non trovarmi in quel posto, così apparentemente strano, per caso e che proprio da lì sarebbe potuta iniziare la mia rinascita spirituale dopo secoli di buio fitto e di solitudine totale. Pian piano e secondo i tempi di Dio, continuando a frequentare quella chiesa e iniziando a pregare anch’io timidamente come potevo e come vedevo fare, ho avuto la grande gioia di sentire e di capire che Gesù mi amava davvero e di un amore grande e sincero, così com’ero, con i miei evidenti limiti umani e le mie debolezze e che potevo fidarmi ciecamente di Lui. Fu per questo che ho accettato il Signore nella mia vita come personale Salvatore. Ma la gioia di sentirmi finalmente amato non mi ha risparmiato il dispiacere di comprendere che, radicato nella mia mente, vi era un demone d’impurità, forte, del quale io, fino a quel momento sconoscevo completamente l’esistenza anche perché non si era mai manifestato prima, secondo la furbizia di questi esseri che fanno dell’anonimato la loro forza, e che era riuscito a fare nella mia vita, quello che voleva, facilitato da me che, sia pure inconsapevolmente, lo avevo sempre assecondato. Oggi posso dirvi con assoluta certezza e con molta esperienza sperimentata sulla mia pelle, che i demoni sono i principali artefici dei nostri errori e dei nostri peccati e che senza un vita di preghiera e di relazione costante con Dio, non c’è possibilità di salvezza per noi piccoli esseri mortali e che ogni forma di perversione sessuale e di vizio impuro, hanno come radice, la presenza di questi esseri diabolici che operano secondo le proprie caratteristiche, svolgendo il loro compito specifico, osservando rigide e determinate gerarchie; i diavoli legati alla sfera sessuale, che io ho conosciuto e a lungo combattuto, non spingono ad essere cattivi e non portano avversione al sacro, per questo motivo risultano difficili da identificare e togliere, ma non per questo possono essere considerati meno gravi, in virtù del fatto che con i peccati della carne sporcano il corpo prima e lo spirito dopo, creando inimicizia con Dio e aprendo un varco ampio verso l’inferno. E’ cominciata così, con l’aiuto del pastore e di fratelli e sorelle con doni carismatici di liberazione, la mia lotta contro il maligno che era uscito ormai allo scoperto, suo malgrado, perché Gesù l’aveva ormai smascherato rendendolo assolutamente incompatibile con la presenza stessa di Cristo, il quale stava ormai facendosi strada dentro il mio spirito. Non è stato per niente facile scontrarmi col nemico delle nostre anime e quello che ho passato non lo auguro a nessuno: altro che problemi psicologici o psicanalitici! Altro che camomille o farmaci ansiolitici! Io ho dovuto estirpare con preghiere forti e con la mia volontà di uscirne a tutti i costi, quello che di negativo vi era in me, quel tempio di Satana fatto di lussuria e concupiscenza carnale che il demone stesso con la mia inconsapevole volontà, aveva eretto nei miei pensieri e desideri e perfino nella mia casa: ricordo perfettamente gli attacchi che subivo la notte, specie verso le tre, questo poiché, durante il sonno, avviene che si assottiglia di molto il confine tra il mondo fisico e quello dello spirito e i due mondi paralleli, quello degli spiriti incarnati che siamo noi e quello degli spiriti disincarnati che vivono in dimensioni superiori, a volte e in situazioni particolari, si sfiorano fin quasi a incrociarsi. La mia condizione, sia pure lentamente, migliorava progressivamente ma quando ero sul punto di convincermi di aver intrapreso la strada giusta, quella che mi avrebbe portato successivamente alla vittoria e mi stavo conseguentemente illudendo di assaporare un po’di pace interiore, ecco, improvvisamente e del tutto inaspettata, spuntare all’orizzonte una nuova nube minacciosa e per la prima volta in vita mia, si spalancarono per me le porte del carcere, per reati di natura sessuale ovviamente compatibili col demone che combattevo. In tutta onestà devo dirvi che non ho mai scaricato tutta la responsabilità dei miei errori sull’entità malvagia perché sono stato esclusivamente io a consentirgli di fare tutto ciò cha voluto rendendolo forte e padrone della mia vita, e per questo ho invocato pentito il perdono di Dio, il mio più grave sbaglio è stato quello di non aver mai cercato una relazione col Creatore e di non aver mai permesso allo Spirito Santo di agire in me e nella mia vita. Ma ormai il Signore aveva piantato il suo seme in me che cominciava a crescere ogni giorno di più e non mi avrebbe mai più lasciato. Oggi mi rendo conto che il carcere è stato una specie di purgatorio terreno, necessario a farmi crescere scontando i miei peccati perchè le croci, le sofferenze, servono a farci maturare spiritualmente e possono trasformarsi, con la fede e la preghiera, in meravigliose opportunità di rinascita. Ed è stato proprio dentro il carcere che si è realizzato un altro miracolo nella mia tormentata vita terrena; l’incontro con la Madonna, un dono straordinario che mi ha fatto Dio, del quale forse non ne sono degno, ma che ha rappresentato una svolta nel mio cammino spirituale: io che ero chiuso in una cella, sporco nel corpo e nello spirito, ecco che incontro Colei che personifica la purezza e la libertà di essere figli di Dio e che è venuta lo stesso da me facendo ciò che avrebbe fatto Gesù: soccorrere un suo figliuolo che chiedeva aiuto. Non l’ho conosciuta in un luogo di apparizione mariana o durante un pellegrinaggio ma in un posto di espiazione e di emarginazione, segno della grandezza di Dio che sa leggere nel cuore dell’uomo prima ancora della sua condizione esistenziale. Io ho cercato con tutto me stesso, forse anche perché spinto dalla disperazione, la madre di Dio, ma l’ho cercata davvero, questo è stato importante, e l’ho fatto pur essendo protestante e persino contro il volere del pastore che mi aveva seguito fino ad allora e dei fratelli della chiesa alla quale appartenevo, che continuavano a pregare costantemente per me. Ma la presenza amorevole di Maria, la sua vicinanza, la sua premura, la sua infinita dolcezza mi hanno spinto a fidarmi di lei. I frutti si sono rivelati tutti positivi: sono uscito da quel posto l’11 febbraio, nella ricorrenza del giorno della prima apparizione della Madonna a Lourdes, e da quel momento, la Vergine mi ha portato sempre più vicino a Gesù e sempre più lontano dal maligno e forse è anche per questo che Dio l’ha messa sul mio cammino, proprio in virtù del fatto che contro i demoni d’impurità, era necessaria la presenza della infinita purezza di Maria per scacciarli, la vicinanza della madre di Cristo è infatti una potentissima arma dopo il sangue di Gesù. Oggi il mio rapporto con la Madonna è splendido e commovente, sento la sua presenza materna, mi protegge e mi guida, ora finalmente riposo tranquillo la notte con al collo la sua medaglietta miracolosa, comunica con me attraverso locuzioni di pensiero fin quasi a percepire anche la voce, non la vedo ma è come se fosse visibile con gli occhi dello spirito, so che in punto di morte lei ci sarà, come ha promesso a Fatima a tutti coloro che faranno il percorso dei 5 sabati, cammino che io ho già fatto con gioia e dedizione. Mi manda molti segni, soprattutto rose, cuoricini e coroncine di rosario che trovo per terra, sulla mia strada. Ogni anno per l’8 dicembre, ricorrenza dell’Immacolata Concezione, mi chiede di portarle una rosa e di deporla sotto i piedi della statua di Montalto che la raffigura, qui a Messina e che per per me è come una piccola Lourdes o Fatima o Medjugorje. Ho imparato a recitare tutti i giorni, la mattina, prima di alzarmi e dopo aver ringraziato il Signore per avermi donato un altro giorno di vita, il rosario e sempre tutti i giorni, puntualmente alle 3 del pomeriggio, dico la coroncina alla divina misericordia. Oggi sono un uomo completamente cambiato in positivo e vivo una vita di preghiera e di condivisione con i miei fratelli in Cristo e quello che, grazie alla fede è avvenuto in me, Dio è pronto a farlo con chiunque, anche col più incallito peccatore, non aspetta altro, gli basta perfino un piccolo segno, desidera essere cercato ed è sempre pronto a perdonare e a ridare una vita piena di significato e di amore. Se guardo indietro nel mio passato, mi rendo conto di quanta strada ho fatto grazie al Signore, che va ringraziato sempre. Non riconosco affatto quello che ero ieri prima di aver sperimentato la presenza di Cristo nella mia vita, era un’altra entità negativa che agiva al posto mio, dico sempre che ero io ma non ero io. Ovviamente sono rientrato nella chiesa cattolica perché sono troppo innamorato spiritualmente della Madonna e questa gioia che provo dentro non mi è stato possibile condividerla con i fratelli protestanti ai quali non potevo esternarla ma dico grazie ugualmente alla chiesa evangelica alla quale devo molto perché è lì che ho mosso i miei primi passi del mio cammino spirituale, lì ho trovato la mia prima vera àncora di salvezza, la prima luce tra le tenebre che mi avvolgevano ma col senno di poi penso che doveva andare così secondo il progetto che Dio aveva stabilito per la mia vita. Frequento il Rinnovamento nello Spirito, un gruppo di preghiera di ispirazione cattolica che mi ricorda il modo di pregare degli evangelici, ho capito l’importanza della confessione per riconciliarsi con l’abbraccio del Padre e la bellezza dell’incontro con Gesù attraverso la santa messa e l’eucarestia. Ho un solo e unico rimpianto: quello di non aver incontrato prima Gesù, specie quando ero ancora adolescente, la mia vita sarebbe stata tutta diversa con la sua presenza in me. Per questo mi sento il dovere di dire ai giovani con tutto il mio cuore: cercate Cristo e dialogate con lui come con un amico sincero e non rimarrete delusi e con la stessa intensità di sentimento dico ai genitori: educate i vostri figli alla fede facendo da esempio perché Dio ve ne chiederà conto, spalancate le porte delle vostre case a Gesù e pregate ogni tanto riuniti in famiglia, preghiera che ha un valore immenso agli occhi di Dio. Auguro di cuore a tutti voi, specialmente a chi è lontano dalla fede, di cambiare la direzione della propria vita e di dirigere i propri passi verso Cristo, l’unico che può veramente cambiare il corso e lo scopo della nostra esistenza terrena, dando una gioia vera, profonda e duratura che non è di questo mondo, preludio dell’infinito amore che caratterizzerà la nostra vita immortale. Io sono convinto che l’unico vero dramma o lutto nel nostro più o meno breve transito su questa terra, sia l’assoluta mancanza di Dio nella nostra vita e sono certo che fin quando il Signore ci lascerà vivere quaggiù, fino all’ultimo soffio di vita, ci sarà sempre la possibilità di cercarlo e di rimediare alle nostre mancanze ma quando si chiuderanno definitivamente i nostri occhi terreni, non ci sarà più tempo per rimediare e per tornare indietro e sarà troppo tardi.

Dio mi benedica e benedica tutti coloro che leggeranno e faranno tesoro di questa mia testimonianza.

CLAUDIO CISCO

maria-blog


LA LUNA DI PETER PAN

69
Sentirsi eterni adolescenti
o addirittura curiosi bambini
alla meravigliosa scoperta del mondo.
Presi per mano dalla fantasia,
sospesi fra le nuvole
tra favole ed eroi,
viviamo nella città dei sogni.
In fondo
siamo creature talmente vulnerabili e fragili
che finiscono per provare realmente
i sentimenti e le emozioni che immaginano.
E rifiutare di crescere,
fuggire dalle proprie responsabilità,
annullare la vecchiaia e cancellare la morte.
Tutto è ingenuità,
disarmante stupore,
poetica avventura,
tenerissima immaturità.
Avere per amici solamente
gli artisti,
gli uccelli,
gli acrobati,
gli angeli
e tutti coloro i quali
con i piedi per terra
un senso non hanno.
Viaggiare con la mente,
leggeri come piume
che non atterrano neanche senza vento,
col dono dell’immunità’
verso i problemi pratici quotidiani,
incontaminati dalla crudeltà del materialismo.
Noi siamo Peter Pan,
affetti da una sindrome cronica
che non si potrà mai curare
e che si nutre ogni giorno
di nuovi colori, nuove sensazioni,
abbiamo la luna sempre negli occhi
siam pronti a raggiungerla in ogni magico istante.
Siam veramente malati e patologici?
o forse siamo solo
più fortunati di altri,
capaci di essere noi stessi.
Credo che siamo davvero vicini a Dio
e veniamo da un mondo
che sta al di là. 

 


AQUILA DALLE GRANDI ALI

aquila_dalle_grandi_ali

Salti per il mondo,

e in cima

in un attimo ti ritrovi,

da quell’altezza

sei tu la padrona,

niente potrà più fermarti.

Aquila dalle grandi ali

ti stagli di profilo,

i tuoi occhi

puntano la preda.

Cosa ricordi di te stessa?

forse il fiore che ti generò,

il respiro del fuoco,

l’aria aperta.

A chi somiglia?

della natura sei complice

bocca bellissima.

Non avrò timori,

il sentiero è dritto

e la ghiaia è bianca.

L’erba che raccoglierai

sul ciglio ti basterà,

e gli anni futuri

ti vedranno fiera

in cima alla montagna.

Ed io saprò dove cercarti:

nel tuo nido.

 

LA POESIA DEL GABBIANO

la_poesia_del_gabbiano

E’ arrivata esultante

la stagione del gabbiano,

è tempo di migrare

verso terre lontane

per scoprire nuovi segreti,

nuove sensazioni.

Un nuovo giorno

è oggi,

per spiccare il volo

sulla superficie del mare aperto,

sull’orlo dell’oceano,

per volteggiare sulla cresta dell’onda.

Vola nel vento gabbiano!

vola più in alto che puoi,

non ti fermare.

La mia penna

saranno le tue ali,

i miei versi

la tua scia.

 

 

LA FINE DELLA CICOGNA

la_fine_della_cicogna

Un serpente velenoso

s’insinua vischioso nel mio giardino d’infanzia,

due mani sporche di fango,

maliziosamente,

rubano al mio impubere corpo

l’innocenza.

Sui miei occhi appena aperti

calano inesorabili ombre

senza più luce.

I sorrisi ingenui delle fate

divengono

tentacoli della paura.

Muore sbocciando

quel fiore reciso

che non crescerà più.

Mi hanno ucciso la cicogna

e con lei anche Gesù Bambino.

 

 

 

VOLO

foto 2 per la poesia VOLO

Ho aperto i miei occhi

liberato la mia mente sfidando tutti i miei limiti,

ho lasciato alle spalle

gabbie, catene, labirinti, muri insormontabili

e quell’uomo morto ch’ero ieri

e che oggi non riconosco più

fino a ridere della mia disperazione del passato,

persino la morte sembra inchinarsi

alla mia nuova voglia di vivere.

Dentro di me

l’oscurità s’è trasformata in un riverbero di luce.

Nell’anima esplode

l’incredibile forza dell’amore verso la vita.

Vedo nuovi orizzonti

distendersi davanti ai miei occhi.

Intorno a me

spazi infiniti m’invitano a raggiungerli.

Tutto è ancora da scoprire

e mi sta aspettando

e con l’entusiasmo di un bambino

m’accorgo per la prima volta

quanto sia meraviglioso vivere.

Non ho più paura ormai.

Solo,

con il vento in faccia,

apro le mie ali e mai più mi fermerò.

Finalmente adesso volo…

 

RICORDO D’UNA RAGAZZA SCOMPARSA

ragazza_scomparsa

Le serate passate sulla nostra scogliera,

il bacio lì, in riva al mare

col tramonto che ascoltava le nostre anime

mentre il mare suonava la nostra canzone.

Tanti ricordi, tanti momenti felici,

tanto amore.

È questo che vorrei gridare in silenzio

ma a che serve ora che non ci sei più?

La tua vita è stata troppo breve

come il nostro amore.

Forse il tuo compito

era farmi provare un sentimento nuovo per me: l’amore

per poi scomparire come un angelo.

Sei salita al cielo

ed ogni notte, piangendo,

cerco di vederti tra le stelle.

Addio per sempre!

 

 

 

 

 

————————————————–

CLAUDIO CISCO “foto d’autore”

10547594_10203026838965687_4944733308813437392_n (1)3b20f7d9c9ce76214db4a1568809f556downloade8e24968228f65b74beca96dc1884bb093a98ad3f588597d46f97bf784d3e17c517d851cdee81dc45739243dd281e8fa8ad1e15565205dc7faae5439de32843d973fd8fee0c87ce747114351d6104f1230708783_111689169688524_9145488706226880512_n

CLASSICI DEL PASSATO RIPROPOSTI IN UN LINGUAGGIO MODERNO di Claudio Cisco

 

CLAUDIO CISCO

 

P R E S E N T A

 

Classici della letteratura italiana riproposti in un linguaggio moderno:
G I A C O M O  L E O P A R D I

 

 

“L’INFINITO”

Ti ho sempre amato, colle

solitario come me.

Ti ho sempre amata, siepe

che mi fai aprire l’anima

verso l’orizzonte,

me lo nascondi

ma me lo fai amare

immaginando spazi infiniti.

Ho sempre amato questo posto,

il suo sovrumano silenzio,

la sua profondissima quiete,

e il tenue soffio del vento tra gli alberi,

e la dolcezza di queste piante che dormono.

E mentre sono seduto e guardo lontano

mi tornano in mente le stagioni fuggite,

l’ora presente,

l’eternità,

ed è dolcissimo

perdersi nell’immensità della natura.


———————————–

 

 

 

 

“IL PASSERO SOLITARIO”

Ti vedo in cima a quella antica torre,

solo,

proprio come me!

Tu canti finchè non muore il giorno

mentre la primavera brilla nell’aria,

esulta per i campi

festeggiata da mille uccellini

che fan mille giri nel cielo.

Ma tu passero solitario non ti curi di loro,

resti indifferente a quella festa,

non la cerchi, non provi a volare

consumi così nella solitudine

la parte più bella della tua vita.

Quanto è simile il mio modo di vivere al tuo!

non c’è spensieratezza in me,

gioie e divertimenti io li evito,

mi sento estraneo e quasi fuggo da loro

e il dramma è che non so spiegare a me stesso

nemmeno il perchè.

Chiuso nella mia stanza

passo le mie giornate vuote e monotone

in silenzio, in solitudine.

Eppure questo giorno che ormai volge alla sera

è festeggiato da tutti in questo paese,

si odono nell’aria suoni di festa vicini e lontani,

i giovani sono allegri

indossano i loro abiti migliori

si divertono

ed è persino bello guardarli.

Ma io,

in quest’angolo del paese vicino alla campagna,

io resto da solo come sempre,

ogni divertimento

lo rinvio in altri tempi

non so a quando!

guardo il sole che si dilegua dietro i monti

e sembra ricordarmi

che anche la mia giovinezza sta morendo.

Tu, passero solitario

alla fine dei tuoi giorni

non potrai pentirti d’aver vissuto così,

è la tua natura che ha deciso questo.

Ma io,

se non riuscirò a evitare la detestata vecchiaia

e tutto sarà noia più di adesso,

cosa penserò della mia giovinezza sprecata

e non goduta?

Forse piangerò,

guarderò indietro

ma sarà ormai troppo tardi.

—————————

 

 

 

 

 

“IL SABATO DEL VILLAGGIO”

La ragazzina spunta dalla campagna

al tramontar del sole

con la dolcezza, con la malizia

d’una età che non dà pensieri.

Ha un fascio d’erba in mano,

un mazzo di rose e di viole,

domani è festa, deve farsi bella.

La vecchietta con le sue amiche,

seduta sull’uscio di casa,

è intenta a filare

e con una lacrima agli occhi

ripensa a quando anch’ella era ragazza

e spensierata e felice

era circondata da tanta compagne.

L’aria si fa bruna,

le ombre scendono dai colli e dai tetti,

una luna bianchissima splende nel cielo.

Una tromba suona annunciando la festa,

i bambini giocano felici nella piazzetta,

il contadino torna a casa fischiettando.

Poi, quando le luci si spengono

e tutto tace,

si ode soltanto il rumore d’un martello

e di una sega,

è il falegname che ha fretta di terminare il suo lavoro

prima dell’alba.

Questo è il più bel giorno della settimana

pieno di gioia, di speranza

domani tutto ritornerà normale, triste, monotono

e ciascuno riprenderà il suo lavoro col pensiero.

Ragazzo mio,

la tua splendida ma fuggitiva età

è proprio come questo giorno

chiara, serena

che prepara la festa della tua vita.

Ragazzo mio divertiti!

non mi sento di dirti altro!

Ma ti prego non rammaricarti

se la tua festa tarda a venire.

—————————-

 

 

 

 

“AMORE E MORTE”

Amore e morte,

fratelli,

furono creati insieme

e insieme vanno uniti per il mondo,

l’uno elargendo il piacere

l’altra annullando il dolore.

Quando l’amore nasce nel petto

lo accompagna sempre un languido desiderio di morte.

Non so perchè…

forse l’uomo,

presentendo i mali futuri che ne deriveranno,

brama di giungere al porto della sua vita

e di annullarsi.

Financo nel furore della passione,

quante volte gli amanti ti invocano o morte!

E che sentimento di invidia

al rintocco della campana funebre

per chi se n’è già andato!

Perfino il contadino e la timida fanciulla

non temono più,

comprendono l’ineffabile dolcezza della morte.

Talvolta l’amore

mina un fisico già prostrato,

talvolta invece

induce al suicidio giovani e fanciulle.

E tu morte

da me tanto invocata e celebrata

fin dai miei primi anni,

chiudi pietosamente gli occhi miei.

Ho sempre disprezzato le consolazioni della religione.

Non ho mai lodato e benedetto i patimenti.

Ho rifiutato i fanciulleschi conforti degli uomini.

Te sola ho sempre invocato!

Aspetto serenamente

di addormentarmi sul tuo seno.

 


 

ALTRI POETI DEL PASSATO

RIPROPOSTI DA CLAUDIO CISCO:

 

 

 

 

I.U. Tarchetti

 

 

MEMENTO
(Dalla lirica omonima di I.U. Tarchetti)

Quando bacio le tue labbra profumate,
cara e dolce fanciulla,
non posso dimenticare
che un bianco teschio vi è nascosto sotto.
Quando stringo a me il tuo corpo sensuale,
cara e dolce fanciulla,
non posso proprio dimenticare
che uno scheletro nascosto vi è celato all’interno.

Quando faccio l’amore con te, cara e dolce fanciulla,
mi è impossibile dimenticare che sotto la tua pelle
vi è un ammasso di sangue, vene e organi schifosi.
E assorto in questa orrenda visione,
dovunque ti tocchi, ti baci o posi le mie mani
sento sporgere le ossa fredde d’un morto.

 


S. Francesco d’Assisi

 

 

IL CANTICO DI FRATE SOLE
(Dall’opera omonima di S. Francesco d’Assisi)

Benedetto tu sia, mio Signore!
con tutte le tue creature
specialmente per fratello sole
che fa diventare giorno
e illumina ogni cosa intorno
ovunque ci sia vita
con grande splendore,
ed è bello, radiante.
Benedetto tu sia, mio Signore!
per sorella luna
che bianchissima non dorme mai
per vegliare la notte,
e per le sorelle stelle
che hai creato in cielo
chiare, preziose e belle.
Benedetto tu sia, mio Signore!
per la sorella acqua
che è molto utile
è preziosa, è casta.
Benedetto tu sia, mio Signore!
per fratello fuoco
che rischiara la notte
e trasmette il suo calore,
ed è forte, è vivo.
E per fratello vento
che muove l’aria, le nuvole
rigenerando con la pioggia tutte le creature.
Benedetto tu sia, mio Signore!
per la nostra madre terra
che ci sostenta stringendoci al suo seno
e ci offre frutti, fiori colorati, erbe.
Benedetto tu sia, mio Signore!
per i miei fratelli che sanno perdonare
aiutali nelle loro tribolazioni terrene,
hanno bisogno della tua presenza
nella loro vita.
Beati quei fratelli che difenderanno la pace!
saranno da te premiati.
Benedetto tu sia, mio Signore!
per la nostra morte fisica
dalla quale nessuno di noi può scappare
e guai a coloro che morranno nel peccato,
beati invece quelli che su questa terra
avranno fatto la tua volontà.
Laudate e benedite tutti il mio Signore!
e ringraziatelo
e servitelo con grande umiltà.


 in foto: CLAUDIO CISCO “ritratti d’autore”

uid_11869450705.580.0uid_121fcc4217d.580.0uid_1221e12f358_580_0uid_11e1d2d2096_580_0